Green&Tech Lavoro Porti

ICS accelera sul green, proposta ai vertici IMO: “Bisogna creare un fondo per il clima”

L80% del commercio mondiale viene trasportato via mare e globalmente rappresenta quasi il 2-3% delle emissioni mondiali di CO2. Incontro previsto a fine ottobre

Genova – L’International Chamber of Shipping ha presentato una proposta ai vertici dell’IMO per accelerare l’adozione e l’impiego di combustibili a zero emissioni di carbonio.

Si tratta di una tassa che andrebbe a creare un fondo per clima. Come si svilupperà? L’idea è quella di un prelievo basato sui contributi obbligatori delle navi che commerciano a livello globale, superiori a 5.000 tonnellate di stazza lorda, per ogni tonnellata di CO2 emessa.

Il ‘tesoretto’ raccolto servirebbe poi per intervenire e migliorare le infrastrutture nei porti favorendo la ‘rivoluzione’ green.  Infatti l’80% del commercio mondiale viene trasportato via mare e globalmente rappresenta quasi il 2-3% delle emissioni mondiali di CO2. Un progetto che sarà discusso dall’organismo di regolamentazione delle Nazioni Unite sulla navigazione a fine ottobre, l’obiettivo è dare una spinta all’industria verso le unità a zero emissioni di carbonio in vista del 2030.