Shipping e Logistica

A Civitavecchia paura per pacco bomba scoperto davanti alla casa del presidente del porto Musolino

Le forze dell’ordine stanno acquisendo le immagini riprese dalle telecamera in zona

Civitavecchia – Paura a Civitavecchia dove è stato rinvenuto un pacco bomba a pochi metri dalla casa del presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale, Pino Musolino. Un ordigno pronto ad esplodere ma l’atto intimidatorio è stato sventato dal gesto di un medico in pensione che invece di chiamare direttamente i carabinieri lo ha portato direttamente in caserma. Sono scattate subito le indagini con i carabinieri di Civitavecchia stanno acquisendo immagini delle telecamere della zona. E Musolino ai microfoni di Etrurianews.it non ha nascosto la sua preoccupazione per quanto accaduto: “Mai avrei pensato di essere oggetto delle attenzioni di qualcuno così motivato a farmi del male. Il primo pensiero va naturalmente a mia moglie e mio figlio piccolo. Quell’ordigno vicino casa e soprattutto adiacente la mia vettura mi hanno lasciato interdetto. Se qualcuno pensa di intimorirmi o di farmi agire in modo contrario a quello che è il mio compito, o meglio, la mia missione istituzionale, si sbaglia di grosso. Al momento ci siamo occupati solo di sistemare vertenze e risolvere problemi seri che attanagliano il porto dal punto di vista economico. Non ho proprio idea del perché di un gesto così estremo, violento e senza alcun senso. Quando i militari dell’Arma dei carabinieri mi hanno spiegato sulle potenzialità di quell’ordigno sono inorridito”.

“Assoporti si stringe attorno al collega Pino Musolino al quale è stato consegnato un pericoloso ordigno davanti alla porta di casa”, ha dichiarato il Presidente di Assoporti, Rodolfo Giampieri, “Insieme a tutti i colleghi presdenti
ribadiamo con forza che le azioni intimidatorie non otterranno alcuno scopo. Continueremo a testa alta ad operare nella piena legalità e trasparenza,” ha concluso Giampieri.

Pronta la reazione della politica che ha espresso solidarietà e condanna per il fatto accaduto a Musolino, dall’On. Raffaella Paita, Presidente della Commissione Trasporti della Camera al Capogruppo del PD nella stessa commissione, l’On. Davide Gariglio.

Anche il presidente della Compagnia Portuale Civitavecchia, Patrizio Scilipoti, ha dichiarato: Abbiamo appreso, letteralmente sconcertati e indignati, del ritrovamento dell’ordigno incendiario sotto la casa del presidente dell’AdSP, Dott. Pino Musolino. Nel nostro Porto e nella nostra Città non era mai accaduto qualcosa di simile e, pertanto, è assolutamente intollerabile assistere a certe intimidazioni infami e vigliacche. Confidiamo che la professionalità e le grandi capacità investigative degli inquirenti possano presto far luce su questa vicenda. A nome di tutta la Compagnia Portuale Civitavecchia, e più in generale di tutte le lavoratrici ed i lavoratori del porto di Civitavecchia, esprimo vicinanza e massima solidarietà sia al Presidente che alla sua famiglia. Sappiano, Infine, gli esecutori del vile gesto e gli eventuali mandanti che i portuali civitavecchiesi, gente forte, impavida e dal cuore grande, sono al fianco del Presidente Musolino e contro di loro.”