Formazione Lavoro

“Adempimenti RAEE, cosa cambia per produttori e importatori”, il 7 luglio torna l’International Trade Talk

A partire dalle 11 sul canale YouTube di Arcom Formazione, organizzatore dell’evento insieme ad Assocad, con la collaborazione di ShipMag

Milano – Le contestazioni relative all’importazione di apparecchiature elettriche ed elettroniche (c.d. “AEE”) e al relativo smaltimento dei rifiuti derivati da tali dispositivi (c.d. “RAEE”) sono in costante aumento. Molti operatori sono stati già colpiti da sanzioni particolarmente gravose rispetto al valore stesso delle merci importate.

I primi mesi del 2022 hanno evidenziato un sensibile aumento dei controlli da parte dell’Agenzia delle dogane e della Guardia di finanza inerenti il rispetto della normativa AEE. Il corretto adempimento dei diversi obblighi introdotti nella disciplina AEE e nel conseguente smaltimento di tali apparecchi elettrici ed elettronici è, pertanto, diventato un’assoluta priorità per le imprese attive in tale specifico settore.

Il sempre maggiore interesse da parte dell’Autorità doganale per questi prodotti specifici trova il proprio fondamento anche in ragione degli obiettivi di sostenibilità ecologica, recentemente introdotti con il PNRR. I dati sulla raccolta differenziata parlano chiaro: durante l’emergenza da Covid-19, la raccolta dei rifiuti derivanti dagli AEE (c.d. “RAEE”) è cresciuta del 6,3% ma è stato effettivamente riciclato solamente il 65% del quantitativo immesso in consumo.

L’omissione del corretto smaltimento dei prodotti rappresenta una violazione della normativa vigente in materia di RAEE, la quale prevede, in tali specifiche ipotesi, l’irrogazione di sanzioni significative, stabilite anche per le violazioni in materia di etichettature e di iscrizione ai registri dei produttori AEE.

Le sanzioni applicabili dalle Province, Città Metropolitane e Camere di Commercio colpiscono anche i soggetti importatori e sono, invero, particolarmente ingenti superando spesso lo stesso valore dei prodotti importati.

Un efficiente compliance preventiva sulle operazioni di importazione non può, pertanto, più prescindere da un approfondito esame delle questioni AEE e RAEE e delle continue modifiche regolamentari su tale specifica disciplina.

Tali tematiche saranno approfonditamente trattate, il prossimo 7 luglio 2022 alle ore 11, nell’International Trade Talks intitolato “Novità sugli adempimenti RAEE per produttori e importatori”, in diretta sul canale YouTube di Arcom Formazione con la partecipazione di Anna Maria Campanella, dirigente presso l’Agenzia delle dogane, Ufficio delle dogane di Savona e di Imperia e Stefano Comisi, avvocato esperto di diritto tributario, Armella & Associati.

L’incontro è organizzato da Arcom formazione con Assocad, Associazione nazionale dei Centri di assistenza doganale, in collaborazione con Shipmag, il magazine online del mondo dello shipping.

È possibile anticipare le domande da porre ai relatori scrivendo all’indirizzo mail formazione@arcomsrl.it