Porti e Infrastrutture Shipping e Logistica

Adsp di Civitavecchia, i dipendenti proclamano lo stato di agitazione

Nel mirino dei 4 sindacati il progetto della Macrostruttura. “Non è stato condiviso né presentato. Possibili conseguenze in termini di danno erariale”

Civitavecchia – Filt Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Ugl Mare Porti avvertono il comitato di gestione dell’AdSP di Civitavecchia, e lo fanno con un lungo comunicato col quale sottolineano come “l’atto di organizzazione nella stesura denominata Macrostruttura non è stato condiviso e ha suscitato forti perplessità sulle ricadute, in termini di efficientamento dell’azione amministrativa dell’organizzazione preposta. Non è stato altresì preceduto dalla presentazione e prevista approvazione del Piano Triennale dei Fabbisogni che si ricorda essere strumento obbligatorio e necessario per la corretta azione amministrativa in materia di personale”.

“E’ stata svolta – spiegano i 4 sindacati – un’assemblea del personale della AdSP, la quale ha deliberato di aprire uno stato di agitazione derivante dalla mancata condivisione delle iniziative in materia di personale che saranno sottoposte all’attenzione del Comitato”.

“L’argomento – concludono i sindacati – su cui l’Organo dell’AdSP è chiamato a deliberare potrebbe scaturire un incremento del livello di contenzioso e una responsabilità dei membri anche in eventuali termini di danno erariale”.