Crociere e Traghetti

Alaska, dal 2026 accesso consentito soltanto a 16mila crocieristi al giorno

La sperimentazione riguarderà la capitale Juneau, raggiunto un accordo con le compagnie

Juneau – La capitale dell’Alaska, Juneau, ha siglato un accordo con le compagnie crocieristiche per definire ufficialmente le restrizioni al numero dei visitatori della città. Questa intesa segue quella sottoscritta quest’anno che limita invece l’arrivo delle navi a Juneau, gestendo l’afflusso dei turisti che si trovano a bordo e scendono a terra alla scoperta delle bellezze della città. Juneau ha una popolazione di soli 32.255 abitanti secondo gli ultimi dati disponibili. I residenti aumentano nei mesi estivi in vista dell’aumento dei crocieristi che può raggiungere i 21.000 turisti in un solo giorno.

L’anno scorso, l’Alaska ha registrato più di 1,6 milioni di crocieristi in una stagione che le compagnie continuano a prolungare. Ora la stagione dura circa 22 settimane, i primi scali ci sono all’inizio di aprile e ora continuano fino alla fine di ottobre. Secondo i rapporti ufficiali, i passeggeri delle crociere sono aumentati del 40% dopo la pandemia e sono aumentati del 23% rispetto all’anno record del 2019.

In base al nuovo accordo le principali compagnie di crociera si impegnano per limitare lo sbarco di crocieristi fino a 16000 al giorno dalla domenica al venerdì e a 12mila al sabato. Il limite non scatterà prima del 2026 perché, secondo l’industria del turismo, le compagnie di crociera avrebbero bisogno di tempo per permettere ad altre città dell’Alaska sudorientale di prepararsi a potenziali impatti.