Cargo

Anche Hapag Lloyd fa il pieno di utili nel terzo trimestre. L’ad: “Meglio del previsto”

Amburgo – Sulla base dei dati preliminari, gli utili di Hapag-Lloyd prima degli interessi e delle tasse (EBIT) per il terzo trimestre 2020 sono aumentati in modo significativo a circa 350 milioni di euro (contro i 253 milioni di euro del 2019). L’utile prima di interessi, tasse, deprezzamento e ammortamento (EBITDA) è salito a circa 650 milioni di euro (contro i 554 milioni di euro del 2019). I volumi sono stati del 3% in meno rispetto all’anno precedente, pari a complessivi 2,95 milioni di Teu circa trasportati nel periodo luglio-settembre, ma “molto migliori di quanto previsto alcuni mesi fa”, ha sottolinea la compagnia.

I principali motori degli sviluppi positivi del business sono stati una domanda significativamente più elevata e rispettivamente volumi di trasporto più elevati e una gestione rigorosa dei costi e dei ricavi, principalmente guidata dal “Performance Safeguarding Program” (PSP) dell’azienda, istituito nel primo trimestre del 2020 .

Per effetto dei risultati positivi registrati nel terzo trimestre, Hapag-Lloyd ha aggiornato le sue previsioni su EBITDA ed EBIT. “Ora ci aspettiamo un EBIT compreso tra 1,1 e 1,3 miliardi di euro e un EBITDA compreso tra 2,4 e 2,6 miliardi di euro”, ha dichiarato la compagnia.

“Abbiamo registrato un ottimo terzo trimestre con una domanda più elevata, in particolare per le esportazioni dall’Asia – ha spiegato l’amministratore delegato Rolf Habben Jansen -. Grazie al positivo sviluppo del mercato e all’ampia gamma di misure che abbiamo introdotto negli ultimi mesi ci aspettiamo un esercizio finanziario annuale con risultati ben al di sopra delle nostre precedenti previsioni”.

“Tuttavia – ha puntualizzato Habben Jansen – la pandemia continuerà ad essere una grande sfida ed una delle principali fonti di incertezza per l’intero settore della logistica. Nei prossimi mesi – ha concluso – la nostra attenzione continuerà ad essere rivolta alla sicurezza e alla salute dei nostri dipendenti, ma anche alla salvaguardia delle supply chain dei nostri clienti”.

*** Vuoi essere aggiornato in tempo reale? Iscriviti al nostro canale Telegram ***