Cargo

Anno record per il Canale di Suez: le entrate raggiungono i 6,3 miliardi di dollari

Si è in presenza del “più alto” reddito mai registrato per la cruciale rotta commerciale marittima nell’Egitto orientale, nonostante lo storico blocco accaduto nel marzo scorso

Nel corso del 2021 le entrate del canale di Suez dell’Egitto hanno raggiunto il record storico di 6,3 miliardi di dollari, contro i 5,6 miliardi del 2020. Lo ha annunciato il portavoce del canale George Safwat. Circa 20.694 navi hanno transitato nel canale nel 2021, contro 18.830 nel 2020: si tratta di un aumento del 10%.

La zona del Canale di Suez ha una fondamentale importanza dal punto di vista logistico ed economico: basti pensare che vicino al porto, si trova una delle più grandi concentrazioni di investimenti cinesi in Egitto – parte della Belt and Road Initiative, il piano di sviluppo del commercio e delle infrastrutture del presidente Xi Jinping. La zona economica del Canale di Suez, ricorda l’agenzia Agi, è composta da 6 porti e quattro zone industriali e attrae molte imprese che producono materiali da costruzione, attrezzature ad alta tensione, macchinari e attrezzature petrolifere.

Si è in presenza del “più alto” reddito mai registrato per la cruciale rotta commerciale marittima nell’Egitto orientale, nonostante lo storico blocco accaduto nel marzo scorso. Nel canale, utilizzato da più di 56 navi ogni giorno, 9 mesi fa si bloccò la nave portacontainer Ever Given, provocando una imponente interruzione del commercio marittimo mondiale.

Il Canale di Suez trasporta ospita il 10% del commercio marittimo mondiale ed è una preziosa fonte di valuta estera per il Cairo. A novembre, la SCA ha deciso di aumentare le tasse di transito del 6% per le navi tranne quelle che trasportano turisti o gas liquefatto a partire da quest’anno.