Porti e Infrastrutture Shipping e Logistica

Baltimora, rimossi gli ultimi resti del ponte con un’esplosione/Il video

Il porto potrà riprendere la piena operatività quando il canale sarà liberato dal relitto della Dalì

Baltimora – Non esiste più il ponte Francis Scott Key di Baltimora che lo scorso 26 marzo era stato distrutto dalla nave portacontainer Dalì che aveva perso il controllo. Infatti gli ultimi resti dell’infrastruttura sono stati rimossi grazie ad un’esplosione ‘controllata’, un’operazione effettuata dall’esercito americano attraverso tecnici specializzati.

La detonazione ha frantumato la travatura reticolare del ponte (che era ancora appoggiato alla nave) in piccole sezioni, consentendo alle squadre di emergenza di utilizzare gru e chiatte per rimuovere i detriti metallici. L’imbarcazione era rimasta bloccata sotto ai rottami del ponte dal giorno dell’incidente, in cui morirono sei persone, e il porto era stato chiuso al traffico che potrà riprendere dopo la rimozione della nave cargo. Secondo il governatore del Maryland, Wes Moore, il canale, profondo 50 piedi e largo 700 piedi, sarà disponibile verso la fine maggio e inizierà il percorso verso la riapertura completa di tutto lo scalo americano. La ricostruzione del ponte potrebbe costare 1,9 miliardi di dollari e richiederà almeno quattro anni di lavori.