Logistica Porti

Bellanova: “Le attività legate all’economia del mare contano per 47,5 miliardi di Euro di valore aggiunto”

Così la Viceministra delle Infrastrutture intervenendo alla Sessione di apertura della European Marittime Day in corso a Ravenna

Ravenna – “Il comparto marittimo rappresenta un settore fondamentale per l’Italia. Le attività legate all’economia del mare contano per 47,5 miliardi di Euro di valore aggiunto, pari al 3,0% del totale dell’economia nazionale: mentre, sul fronte dell’occupazione, gli addetti della blue economy in Italia sono circa 894mila, pari al 3,5% del totale”.
Così stamane la Viceministra delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili Teresa Bellanova intervenendo alla Sessione di apertura della European Marittime Day in corso a Ravenna.


“Non a caso”, ha detto ancora Bellanova, “è tema centrale anche per gli interventi del Pnrr in capo al Mims: dalla transizione ecologica delle flotte alle riforme di settore per una maggiore semplificazione, concorrenza ed efficienza per cui istituiremo uno Sportello Unico dei controlli per import/export così da semplificare le procedure nazionali nel settore logistico; dagli investimenti per lo sviluppo di porti, logistica e trasporti marittimi per l’aumento selettivo delle capacità portuali, sia in entrata dal lato mare sia dal lato terra dei terminal, agli investimenti su elettrificazione delle banchine, efficientamento energetico e gestione dei rifiuti nei Porti; dagli interventi infrastrutturali per le Zes a quelli ferroviari per l’ultimo/penultimo miglio ferroviario e stradale tra le aree industriali e le reti del Sistema Nazionale Integrato dei Trasporti e TEN-T.


Una vera e propria strategia integrata che impone questo settore come strategico nel rilancio del Paese e che ha come parola chiave la sostenibilità. Per l’Italia e per l’Europa una sfida verso un nuovo modello di sviluppo, per le imprese e i territori coinvolti una grande opportunità di innovazione e attrazione di investimenti”.