Crociere e Traghetti

Blitz della polizia australiana a bordo della Ruby Princess

Sydney – Agenti della polizia del New South Wales ha eseguito un blitz notturno sulla nave da crociera Ruby Princess, ancorata al largo di Port Kembla a sud di Sydney, per sequestrare la scatola nera e raccogliere prove sulle circostanze in cui centinaia di passeggeri a bordo sono stati autorizzati a sbarcare nel terminal internazionale di Sydney il 19 marzo, una decisione collegata a centinaia di casi di Covid-19.

I poliziotti sono saliti a bordo e continuano gli interrogatori di testimoni definiti «di alta priorità»: si tratterebbe dei responsabili delle decisioni che hanno portato allo sbarco dei passeggeri e di chi invece ha tentato di prevenirli. “Gli investigatori della Strike Force Bast stanno conducendo indagini a bordo della Ruby Princess“, ha fatto sapere la polizia del New South Wales in un comunicato. “L’operazione viene condotta secondo le più rigorose linee guida sulla salute e la sicurezza sul lavoro”, ha aggiunto. Le sei navi da crociera che hanno fatto scalo in Australia lo scorso marzo hanno provocato 21 dei cinquanta casi certificati di morte da Coronavirus in Australia e 15 dei decessi si sono registrati tra gli 86 casi di contagio di crocieristi della Ruby Princess.