Green&Tech

Torna a volare il Cina il Boeing 737 MAX: non succedeva dal marzo 2019

Nel dicembre 2021, il regolatore cinese ha ufficialmente ritenuto che l’aereo fosse idoneo a volare di nuovo

Pechino – Un volo commerciale operato da un Boeing 737 MAX è stato registrato venerdì scorso in Cina: è il primo di una compagnia cinese dal marzo 2019, quando l’aereo è stato bandito dal Paese dopo due gravissimi incidenti.

L’aereo della China Southern Airlines immatricolato B-1206 è decollato a mezzogiorno con il volo CZ3960 da Guangzhou a Zhengzhou.

La Cina è stata il primo Paese al mondo a ordinare ai suoi vettori nel marzo 2019 di sospendere i voli del Boeing 737 MAX per motivi di sicurezza, dopo due incidenti in pochi mesi che hanno provocato la morte di 346 persone. Il divieto è stato emesso appena un giorno dopo che un aereo di questo modello, operato da Ethiopian Airlines, si è schiantato poco dopo il decollo da Addis Abeba.

Dopo 20 mesi di messa a terra, l’aereo è stato autorizzato a volare nuovamente negli Stati Uniti. Poi in gran parte del mondo, dopo le modifiche al software di controllo del volo MCAS all’origine dei due incidenti e l’addestramento di nuovi piloti. Tuttavia, la Cina ha preferito non cancellare il suo divieto.

Nel dicembre 2021, il regolatore cinese ha ufficialmente ritenuto che l’aereo fosse idoneo a volare di nuovo. China Southern è stata la prima compagnia aerea cinese a riportare in volo il 737 MAX il 13 gennaio 2023.