Cargo Oil & Gas

British Petroleum noleggia una VLCC a 20.500 dollari/giorno

Londra – Il gigante dell’energia BP ha noleggiato una VLCC per lo stoccaggio del petrolio greggio. Secondo la società di analisi Refinitiv Eikon, BP ha noleggiato la nave in un momento in cui i noli delle petroliere sono molto basse. A causa del recente calo dei prezzi del petrolio a della pandemia, nonché del calo della domanda stagionale nell’emisfero settentrionale, molti giganti dell’energia e trader stanno cercando soluzioni per stoccare petrolio greggio.

BP ha noleggiato la VLCC “Gene” a 20.500 dollari/ giorno per i prossimi tre mesi, con la possibilità di estendere l’accordo per un altro trimestre, con la tariffa in questo caso pari a 22.000 dollari / giorno. I noli giornalieri per le VLCC a sei mesi hanno raggiunto 120.000-130.000 dollari lo scorso aprile, quando i trader si sono precipitati a stoccare petrolio a seguito del calo dei prezzi e della domanda nel secondo trimestre del 2020.


Nel secondo e terzo trimestre del 2020, più di 1 miliardo di barili di petrolio sono stati stoccati in petroliere. Lo stoccaggio fluttuante del petrolio fa parte della strategia “contango play“: i trader cercano spazio di stoccaggio sulle navi quando il prezzo spot del petrolio per la consegna immediata è inferiore a quello per la consegna futuri. Oggi i trader stanno aspettando che i prezzi del petrolio aumentino per realizzare un profitto e coprire anche i costi di stoccaggio. Tuttavia, gli analisti di Citibank affermano che la recente tendenza verso lo stoccaggio galleggiante di petrolio è più dovuta al calo significativo dei noli rispetto piuttosto che al prezzo del barile.