Green&Tech Logistica

Camion a guida autonoma, Aurora pronta alla quotazione al Nasdaq / Video

Aurora prevede di integrare la sua tecnologia nei camion Volvo e Paccar di classe 8 entro la fine del 2023.

Los Angeles – Aurora, una start-up che sviluppa hardware e software per lo sviluppo di veicoli autonimi, diventerà una public company grazie alla fusione con una SPAC. L’accordo dovrebbe concludersi quest’anno e darà vita a un colosso del valore di 2,5 miliardi di dollari.

“Si tratta di un traguardo naturale per noi”, ha affermato il co-fondatore e CEO di Aurora Chris Urmson. “Ci permetterà di sbloccare il capitale di cui abbiamo bisogno per fornire il driver Aurora come servizio su larga scala”. Una volta completata, Aurora sarà quotata al Nasdaq con il simbolo AUR e una valutazione di 11 miliardi di dollari.

Con partner prestigiosi tra cui Toyota, Uber e i produttori di camion Volvo e Paccar, Aurora si rivolge a una vasta gamma di veicoli, servizi di consegna e società logistiche per la sua tecnologia. L’obiettivo è consentire ai veicoli di raggiungere la guida autonoma di livello 4, il che significa che l’interazione umana non sarà più necessaria quando i veicoli percorrono la strada. 

Aurora prevede di integrare la sua tecnologia nei camion Volvo e Paccar di classe 8 entro la fine del 2023. Poiché questi camion operano autonomamente su strade e autostrade, genereranno entrate per miglio a beneficio di Aurora.

La commercializzazione di veicoli autonomi è stata molto più impegnativa di quanto molti prevedessero solo pochi anni fa. Alcune aziende, come  Uber Technologies, hanno rinunciato a sviluppare i sistemi internamente. Uber ha venduto la sua divisione di veicoli autonomi ad Aurora mentre altre aziende, come Zoox, hanno venduto ad  Amazon.  (Alphabet) rimane il front-runner di più alto profilo, e gestisce una flotta di veicoli autonomi pubblici in Arizona.