Crociere

Carnival aumenta il numero delle navi cedute o demolite: saranno diciotto

Miami – Il principale operatore di crociere del mondo, Carnival Corporation, ha annunciato che accelererà la rimozione delle navi da crociera dalla sua flotta, con un totale di 18 unità che lasceranno la flotta. 

In precedenza Carnival aveva annunciato di voler dismettere 13 navi: questo numero è ora aumentato di cinque unità, portando il numero totale di navi vendute o demolite a 18.

Secondo Carnival Corporation, le 18 navi rappresentano circa il 12% della capacità pre-lockdown ma solamente il 3% del reddito operativo nel 2019. La vendita di navi meno efficienti si tradurrà in una futura efficienza dei costi operativi di circa il 2% e una riduzione del consumo di carburante di circa l’1%. Arnold Donald, CEO di Carnival Corporation, ha dichiarato: “Continuiamo a intraprendere azioni aggressive per far riemergere un’azienda più snella ed efficiente. Stiamo accelerando l’uscita di 18 navi fra le meno efficienti dalla nostra flotta. Ciò genererà una riduzione della capacità del 12% e una base di costi strutturalmente inferiore, pur mantenendo gli asset più importanti per la cassa”. 
 
Con le attuali navi di nuova costruzione programmate, con consegne fino al 2022, la flotta globale della compagnia aumenterà l’efficienza, con circa il 13% in più di dimensioni medie della flotta. La flotta avrà anche un’età media di 12 anni entro il 2022, rispetto ai 13 anni nel 2019.
 
Carnival Corporation non ha annunciato quali navi da crociera aggiuntive intende rimuovere dalla sua flotta. Finora, un totale di 11 navi sono state vendute o demolite. Queste includono Costa Victoria, Costa neoRomantica, Oceana, Amsterdam, Rotterdam, Maasdam, Veendam, Carnival Fantasy, Carnival Inspiration, Carnival Imagination e Carnival Fascination.