Interviste Traghetti

Catani (GNV): “Il governo sostenga le imprese italiane dei traghetti”

Genova – “Stimiamo che il trasporto combinato merci-passeggeri perderà fra il 50 e il 70% del fatturato 2020. Un impatto abnorme, che GNV ha affrontato da sola con i suoi dipendenti. Se non abbiamo mai smesso di lavorare, vorrei dirlo con grande forza, è perché siamo un pezzo infrastrutturale del Paese. Siamo un’azienda con 1.800 dipendenti, l’85% dei quali italiani, trasportiamo ogni anno 2 milioni di passeggeri e 2 milioni di metri lineari. Purtroppo il trasporto merci, da solo, non copre i costi di gestione e il settore passeggeri sconta ancora un forte ritardo”. Lo ha detto al Secolo XIX l’a.d. di Grandi Navi Veloci, Matteo Catani.

“Da parte della ministra De Micheli abbiamo avuto un’apertura importante sull’utilizzo di future risorse europee, su cui tuttavia non vi sono ancora certezze e che rischiano di arrivare troppo tardi. Chiediamo quindi al governo di dare una prima risposta concreta utilizzando le risorse del Registro internazionale – inutilizzate a causa della crisi – per sostenere la continuità aziendale e il patrimonio di conoscenze delle imprese italiane altrimenti destinate a ridimensionarsi”.