Green&Tech

China Merchants Industry, CCS e RINA insieme per sperimentare navi alimentate a idrogeno e ammoniaca

Milano – La società italiana di certificazioni e classificazioni RINA ha firmato un accordo a Shanghai con China Merchants Industry e CCS per avviare una nuova collaborazione con l’obiettivo di sviluppare e sperimentare tecnologie innovative sull’idrogeno e sull’utilizzo dell’ammoniaca per alimentare i motori delle navi. In questi ultimi anni, China Merchants Industry – una delle più importanti compagnie di Stato cinesi, operante nei settori di logistica portuale, cantieristica, infrastrutture e finanza che ha stabilito la sua sede europea a Ravenna – ha investito risorse e tempo per l’impiego del gas naturale liquefatto (GNL) come combustibile di transizione per le navi.

Ma l’obiettivo sul lungo termine resta quello dell’idrogeno che – secondo Wu Sichuan, vicedirettore generale di China Merchants Industry – “diventerà cruciale nel prossimo futuro”. “La cooperazione tra China Merchants Industry e RINA copre diversi tipi di navi. Il nostro laboratorio di ricerca e sviluppo ha svolto molte ricerche sulla riduzione delle emissioni di gas serra, in particolare sull’idrogeno come fonte di energia. Sviluppo che questa volta sarà ulteriormente accelerato grazie a questa cooperazione”, ha dichiarato Paolo Moretti, amministratore delegato di RINA Services.

Nel frattempo, CCS ha già pubblicato una guida per l’applicazione dell’idrogeno come carburante alternativo per le navi e ha avviato la ricerca sull’ammoniaca come combustibile del futuro. “La firma dell’accordo offrirà un’opportunità vantaggiosa per tutti sull’applicazione di queste nuove tecnologie”, ha affermato Sun Feng, vicepresidente di CCS.