Crociere

CLIA in pressing su Biden: “Faccia ripartire le crociere negli States”

Miami – CLIA, che rappresenta il 95% della capacità globale di crociere oceaniche, ha invitato i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) a revocare il Framework for Conditional Sailing Order (CSO) e consentire la pianificazione di una ripresa graduale delle operazioni di crociera dai porti degli Stati Uniti all’inizio di luglio. “Il periodo è in linea con le previsioni del presidente Biden per quando gli Stati Uniti saranno più vicini alla normalità”, fa sapere CLIA.

“Negli ultimi otto mesi, è proseguita una ripresa delle crociere altamente controllata in Europa, Asia e Pacifico meridionale, con quasi 400.000 passeggeri che hanno navigato fino ad oggi nei principali 10 mercati crocieristici. Questi viaggi sono stati completati con successo con protocolli leader del settore che hanno mitigato efficacemente la diffusione di Covid-19. Altre crociere sono previste nel Mediterraneo e nei Caraibi verso la fine della primavera e dell’estate”, ha affermato Kelly Craighead, presidente e CEO di CLIA.

Secondo l’associazione di categoria, la percentuale molto piccola dei casi Covid segnalati (meno di 50 sulla base di rapporti pubblici) è notevolmente inferiore alla percentuale riscontrata a terra o in qualsiasi altra modalità di trasporto. “Questa è una testimonianza dell’impareggiabile esperienza del settore, acquisita in più di mezzo secolo, nel coordinamento dei movimenti di ospiti ed equipaggio, nell’organizzazione efficiente di imbarchi ed escursioni complesse e nella progettazione di navi tecnologicamente più avanzate e agili dal punto di vista operativo rispetto a qualsiasi altra modalità di trasporto “, ha detto Craighead.