Porti e Infrastrutture Shipping e Logistica

Concessioni e scambio di manodopera, accordo politico per evitare colpi di mano nei porti

Un’intesa è stata raggiunta sull’emendamento proposto dalla Lega all’art. 31 in tema di Authority

Roma – Si è conclusa la riunione di maggioranza in Commissione Industria del Senato impegnata sull’esame del Ddl Concorrenza.

Dopo un incontro a Palazzo Chigi con i relatori Collina e Ripamonti, secondo quanto si apprende, la maggioranza ha trovato un’intesa sulla riformulazione dell’art. 3 sulle concessioni delle aree demaniali dei porti.

Raggiunto un accordo politico anche per la nuova riformulazione dell’art. 1 che prevede lo sviluppo degli “investimenti” e della “innovazione” per la “tutela dell’ambiente e di diritto della salute dei cittadini”.

Un’intesa è poi stata raggiunta sull’emendamento proposto dalla Lega all’art. 31 in tema di Authority. Giovedì la commissione è riaggiornata alle 9 per l’esame degli altri articoli.

Si eviterebbe, in questo modo, lo scambio di manodopera tra diversi terminal (tema che aveva incendiato il dibattito, con i sindacati e buona parte dei parlamentari contrari) e si responsabilizzerebbero le AdSP, senza attribuire maggiori poteri (o meglio: ingerenze) ad Art, AgCom e Anac.