Cargo Porti

Confetra: “Dal Dpcm boccata d’ossigeno per il settore”

Roma – E’ arrivata la soluzione della questione “delicatissima” che da settimane “stava impattando negativamente sul ciclo operativo del trasporto e della movimentazione delle merci”. Lo annuncia Confetra in una nota.

“L’apertura dei magazzini delle imprese produttrici attualmente ferme, ci consente di riprendere consegne e trasporto di merci acquistate o prodotte entro il 22 marzo, data del primo lockdown“.

“Una boccata d’ossigeno per il settore e la soluzione al problema del congestionamento crescente dei centri logistici e degli hub infrastrutturali di transito. Tra l’altro – prosegue la nota – approvvigionando le scorte, quando sarà terminato il lockdown, le imprese potranno essere immediatamente operative e riprendere la produzione”.

Guido Nicolini

Guido Nicolini, presidente Confetra, ha commentato il provvedimento: “Ringraziamo la ministra De Micheli e le riconosciamo di aver saputo e voluto ascoltare le indicazinioni provenienti dagli operatori logistici e “dal campo”. Un grazie anche al presidente Conte per aver accolto tale proposta in questo suo ultimo DPCM. Resta un altro tema che andrà assolutamente affrontato in vista dei prossimi provvedimenti: la necessità di accrescere le tutele operative per i corrieri espressi”.