Cargo Logistica Porti

Confitarma, Mattioli: “Una cabina di regia per rispondere alle sfide strategiche del trasporto marittimo”

Roma – “Occorre prendere coscienza del fatto che il mare per noi è fondamentale, Ma abbiamo perso terreno nei confronti dell’estero. L’allarme lanciato dalla logistica nazionale – che sconta un gap di competitività che ha raggiunto i 70 miliardi di euro – sembra aver dato una scossa al sistema. Ma ancora una volta, l’attenzione agli interessi nazionali sembra essere riservata principalmente agli attori logistici di terra, attenuandosi nei confronti degli operatori marittimi. Eppure, come tutti sappiamo, il mare è il primo e determinante anello della filiera logistica nazionale”.

E’ l’affondo di Mario Mattioli, presidente di Confitarma, che ieri durante la seconda giornata del mare organizzata da Limes ha rincarato la dose dopo la presa di posizione del giorno prima di Luca Sito, direttore generale della Confederazione degli armatori italiani. Al dibattito conclusivo dell’evento, moderato da Lucio Caracciolo, direttore di Limes, sono intervenuti Giuseppe Bono, amministratore delegato di Fincantieri, l’Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone, Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, e Nicola Monti, amministratore delegato di Edison.

(Mario Mattioli, presidente di Confitarma, durante la tavola rotonda di Limes)

“Mi fa piacere sottolineare – ha detto Mattioli – che l’importanza del mare sia stata ormai riconosciuta anche da Confindustria, che, per la prima volta ha nominato un vice presidente con specifica delega all’economia del mare”. Eppure “il nostro Paese lascia una componente socio-economica così importante senza una guida unitaria, una cabina di regia che sappia regolare i diversi interessi mettendoli a fattor comune per il bene della società. Ci deve essere sinergia tra tutti gli attori – istituzioni e industria –
dell’economia blu perché siamo tutti connessi. Ora dobbiamo allearci, e far sì ci sia una cabina di regia che parli con una voce sola, altrimenti si complica invece di semplificare”.

“Sottolineo che la sfida che nelle prossime settimane attende la nostra amministrazione – ha concluso Mattioli – è fondamentale per la marittimità nazionale. Mi riferisco all’estensione dell’impianto normativo del Registro Internazionale e della Tonnage Tax alle bandiere comunitarie, come richiesto dalla Commissione, che dovrà essere necessariamente perimetrato limitando i beneficiari alle sole compagnie armatoriali ubicate in Italia, così tutelando la rotta dell’interesse nazionale, della sua industria e del suo indotto”.