Shipping e Logistica

Container, Msc e Maersk sciolgono l’alleanza 2M. Toft: “Possiamo andare avanti da soli”

Msc e Maersk hanno spiegato che l’annuncio non avrà un impatto immediato sui servizi forniti sulle operazioni 2M

Genova – Msc e Maersk hanno concordato di porre fine all’alleanza 2M a partire da gennaio 2025. 2M, come sanno gli addetti ai lavori, è un accordo di condivisione di navi per il trasporto container firmato dai due principali armatori al mondo nel 2015 con l’obiettivo di garantire operazioni competitive ed economiche sui traffici Asia-Europa, Transatlantico e Transpacifico condividendo lo spazio delle navi e la capacità della rete.

Il contratto 2M ha una durata minima di 10 anni con un termine di disdetta di 2 anni.

MSC e Maersk riconoscono che molto è cambiato da quando le due società hanno firmato l’accordo decennale nel 2015. L’interruzione dell’alleanza 2M spiana la strada affinché entrambe le società continuino a perseguire le proprie strategie individuali”, hanno riferito Vincent Clerc, ceo di AP Moller – Maersk , e Soren Toft , ceo di MSC, in una dichiarazione congiunta.

“Abbiamo molto apprezzato la partnership e non vediamo l’ora di continuare la collaborazione per tutto il resto del periodo dell’accordo. Rimaniamo pienamente impegnati a fornire i servizi dell’alleanza 2M ai clienti di MSC e Maersk“.

Msc e Maersk hanno spiegato che l’annuncio non avrà un impatto immediato sui servizi forniti sulle operazioni 2M. “L’alleanza 2M ha svolto un ruolo chiave nel supportare l’industria del trasporto marittimo di container negli ultimi otto anni”, ha detto Toft.

“Noi di Msc continuiamo a rafforzare e ammodernare la nostra flotta, garantendoci le dimensioni di cui abbiamo bisogno per la più completa rete di navigazione marittima e a corto raggio sul mercato”.

La società fondata da Gianluigi Aponte ha aggiunto che 2M è stato introdotto nel 2015 in un momento in cui l’industria dei trasporti marittimi aveva bisogno di un’iniezione di stabilità.

Msc è grata per la cooperazione operativa con Maersk negli ultimi otto anni e si aspetta che il concetto di condivisione delle navi di linea oceaniche rimanga rilevante e vantaggioso”.

L’alleanza 2M gestisce oltre 200 navi e serve più di 200 porti in circa 120 paesi. Secondo l’alleanza, la partnership 2M serve circa il 40% del commercio mondiale di container.

La cessazione arriva sulla scia della massiccia espansione della flotta di Msc negli ultimi due anni, che ha visto l’aggiunta di 411.000 teu (+10,7%) nel 2021 e altri 321.500 teu (+7,5%) l’anno scorso.

La compagnia ginevrina ha anche intrapreso un colossale programma di nuove costruzioni che comprende 124 navi (+10). Entro la fine del 2024, Msc dovrebbe avere una capacità totale approssimativamente uguale a quella di Msc e Maersk messe insieme quando i due vettori hanno formato l’alleanza.