Economia e Finanza Shipping e Logistica

Cosulich: 1,9 miliardi di fatturato e imbarca Braggiotti in cda

Con il banchiere milanese (advisor di Goldman Sachs per l’Italia, ex Mediobanca e Lazard), uomo di spicco della finanza italiana e internazionale, entra nel board anche Imperato (Trasteel)

Genova – Ingresso eccellente nel cda del gruppo Fratelli Cosulich. Insieme alla presentazione dei conti del 2023, chiusi con un risultato positivo, il gruppo ha annunciato la nomina nel board, come membro non esecutivo, di Gerardo Braggiotti, già uomo di punta in Mediobanca dove è stato per 18 anni ricoprendo diversi ruoli e in Lazard Europe, e nei board di Marco Tronchetti Provera e di RCS Media Group,  attualmente chairman di G.B.H.  e country advisor per l’Italia di Goldman Sachs. Insieme a Braggiotti entra nel cda, sempre come membro non esecutivo, anche Gianfranco Imperato, che vanta oltre 12 anni al timone della collegata siderurgica del gruppo Fratelli Cosulich, Transteel international, di cui è azionista al 13%.

Per quanto riguarda i risultati finanziari, approvati dal consiglio di amministrazione, il 2023 per il gruppo Fratelli Cosulich si chiude con 1,9 miliardi di ricavi, 49,9 milioni di Ebitda e 30,2 milioni di risultato netto e sedici acquisizioni effettuate. “Il 2023 sarà ricordato come il nostro secondo miglior anno di sempre” sottolinea il cfo Stefano Abate, dopo aver ricordato che il 2022 era stato un anno eccezionale, seguito ad un 2021 “migliore anno di sempre”.

“Questi numeri dimostrano la forza della nostra strategia, tradottasi in investimenti, soprattutto in un anno segnato da nuove sfide geopolitiche e macroeconomiche, come il conflitto nell’Europa dell’Est, le tensioni nel Medio ed Estremo Oriente e l’aumento dei tassi di interesse” commenta il presidente Augusto Cosulich. “L’acquisizione di nuovi asset e le operazioni di M&A nel 2023, 16 in totale, che si traducono in più di una al mese – aggiunge – dimostrano che il gruppo Fratelli Cosulich è costruito su persone pronte a investire in idee che possano generare più business. Dobbiamo sostenere le idee di business. Abbiamo sempre dato priorità ai nostri clienti piuttosto che ad una battaglia con i concorrenti, assicurandoci che i nostri servizi soddisfino le loro esigenze in evoluzione e creino relazioni più profonde”.