Porti

Crisi Covid-19, Color Line licenzia temporaneamente 2.000 persone

Milano – La compagnia Color Line ha temporaneamente licenziato circa 2.000 dipendenti dopo aver annullato i normali servizi passeggeri a causa del Covid-19.

“Le misure messe in atto da Color Line hanno avuto importanti conseguenze per l’azienda”, ha detto il Ceo Trond Kleivdal. La compagnia ha mantenuto i servizi di trasporto merci in linea con le regole sulla quarantena stabilite dai paesi nordici e dalla Germania. Il servizio è gestito dalla nave ro-ro Color Carrier che opera sulla rotta tra Oslo e Kiel mentre la SuperSpeed ​​2 sta navigando tra Larvik e Hirtshals.

Il governo norvegese ha annunciato la prima fase di un pacchetto di iniziative per contrastare la crisi economica e salvaguardare le imprese e l’industria del Paese. Il piano è progettato per garantire il funzionamento delle aziende, nonché i salari e i diritti dei dipendenti. Alle persone licenziate viene garantita la piena retribuzione per un minimo di 20 giorni dalla risoluzione del contratto di lavoro.

I dipendenti Color Line che sono stati licenziati mantengono tutte le polizze assicurative e sono ancora in carico a Color Line. “I licenziamenti potrebbero essere revocati in breve tempo, perché dobbiamo garantire che la società sia pronta ad accelerare quando le autorità consentiranno nuovamente il traffico passeggeri tra Norvegia, Svezia, Danimarca e Germania”, ha affermato Kleivdal.