Crociere e Traghetti Porti e Infrastrutture

Porto di Reggio Calabria, via libera al terminal crociere

Nei prossimi giorni, fa sapere l’AdSP, “sarà convocata un’apposita conferenza di servizi per l’acquisizione di tutti i pareri e nulla-osta necessari per poter avviare successivamente la gara”

Reggio Calabria – Il porto di Reggio Calabria avrà presto il suo terminal crociere. Lo comunica l’Autorità di sistema portuale dello Stretto. “Il rilancio del porto di Reggio Calabria – si legge in un comunicato – passa soprattutto dalla riqualificazione degli spazi portuali e dalla realizzazione di strutture dedicate all’accoglienza dei passeggeri. Per raggiungere questo obiettivo l’AdSP dello Stretto ha incaricato nei mesi scorsi l’Atelier(s) Alfonso Femia, fra i più importanti studi di architettura europei, con sedi a Genova, Milano e Parigi, di predisporre un masterplan del porto ed i progetti di fattibilità tecnico-economica dei primi interventi.Tra questi – si sostiene – quello, prioritario e che è stato consegnato proprio in questi giorni nella sua versione definitiva, per la realizzazione di una struttura di accoglienza e per i servizi al crocierismo. Le opere previste dal progetto riguardano un moderno terminal passeggeri che sarà ubicato sulla Banchina di Levante del porto di Reggio Calabria. Tale infrastruttura in via accessoria potrà essere messa a disposizione della comunità portuale e della cittadinanza reggina anche quale sala congressi, mostre e convegni”.

“Lo sviluppo longitudinale del progetto – continua la nota – agevola la realizzabilità dell’opera e migliora le condizioni della gestione, riducendone i costi; inoltre è stata pensata una speciale perimetrazione di sicurezza che sarà necessaria per lo svolgimento delle operazioni croceristiche. L’area esterna, come ripensata nel progetto, può supportare un numero di pullman sufficiente per il traffico dei turisti così come per un eventuale afflusso pubblico per eventi organizzati”. Il terminal avrà uno sviluppo di circa 1.000 mq , disposti su un unico piano, e questo permetterà una migliore gestione dei flussi di passeggeri anche senza la necessità di un apposito finger di imbarco.

“L’edificio – scrive l’Autorità – è progettato per essere composto a blocchi che si susseguono e che permettono dunque di avere una prima parte di accesso/check-in che funziona anche da uscita check-out, un’altra adibita a locali tecnici e a spazi distributivi per imbarco/sbarco, mentre la parte finale prevede le funzioni bar/bistrot e può avere una doppia valenza di supporto al terminal e di supporto per evento nei giorni di assenza del traffico crocieristico. L’importo complessivo per la realizzazione dell’opera ammonta a circa 5.500.000 euro che saranno finanziati all’interno del fondo di 15 milioni di euro messo a disposizione con la Finanziaria dello Stato dell’anno 2021″.

Nei prossimi giorni, si fa sapere, “sarà convocata un’apposita conferenza di servizi per l’acquisizione di tutti i pareri e nulla-osta necessari per poter avviare successivamente la gara per la progettazione esecutiva e la realizzazione”. Per il presidente dell’Autorità dello Stretto, Mario Mega, “il progetto di fattibilità del Terminal Crociere e’ il primo di una serie di progettazioni affidate all’estro creativo dell’architetto Femia e del suo staff che hanno l’obiettivo di cambiare completamente la fisionomia del porto di Reggio Calabria. Non solo edifici per servizi a supporto dei traffici crocieristici, del traghettamento con i mezzi veloci e per l’accoglienza di maxi yacht ma soprattutto elementi di architettura moderna che dovranno rende “bello” oltre che “funzionale” il porto anche per dare continuità al progetto del Comune del Museo del Mediterraneo che sorgerà alle spalle del molo di Ponente. Il nostro impegno per il rilancio del porto di Reggio Calabria quindi – conclude – continua secondo la programmazione stabilita con il POT sin dal 2020 non solo dal punto di vista della promozione del porto e del suo territorio sui mercati crocieristici internazionali ma anche per quanto riguarda l’upgrade infrastrutturale”.