Crociere Porti Traghetti

Crociere e traghetti, il “tesoretto” è mini / Il caso

Roma – Altro che 150 milioni di euro. Il tesoretto che le due associazioni degli armatori si stanno litigando, sarebbe nettamente inferiore. Lo rivelano fonti qualificate a ShipMag che citano i documenti che sta esaminando la commissione dei saggi incaricata dal governo.

La cifra complessiva, raccontano le fonti, sarebbe vicina ai 10 milioni di euro. Non un gran bottino per cui litigare, anche se Assarmatori e Confitarma hanno toccato livelli alti di conflitto nelle ultime settimane.

L’emendamento Assarmatori dedicato al cabotaggio, dovrebbe passare e così il minitesoretto dovrebbe finire ai traghetti. Le crociere faranno a meno di quei soldi, ma dovrebbero ottenere il via libera agli sgravi anche con il Registro ordinario così Costa Crociere sarà in grado di riprendere l’attività.

Rimane lo scoglio tecnico: mentre l’emendamento è sul piatto, la modifica del Registro per ora può contare sulla volontà politica del governo di procedere, ma manca ancora il percorso. C’è però un mese abbondamente di tempo.