Lavoro Porti

Dl Trasporti, il PD laziale: “Incomprensibile l’atteggiamento del governo”

“Il porto di Roma è uno dei porti principali del nostro Paese e tra i primi in Europa: dobbiamo difenderlo”

Roma – “Consideriamo incomprensibile il rifiuto del governo di accogliere gli emendamenti al Dl Trasporti con i quali si fornirebbero risorse e strumenti di sostegno al settore portuale”. Lo scrivono in una nota Bruno Astorre senatore e segretario Pd Lazio e Rocco Lamparelli Responsabile mobilità PD Lazio.

“Gli effetti negativi del Covid – prosegue – sull’economia portuale si stanno facendo ancora sentire, gli emendamenti presentati dal PD e da altri gruppi parlamentari puntano a prorogare i sostegni alle imprese e ai lavoratori portuali almeno fino al 2022. Il rifiuto del Governo di discuterne rischia di tradursi in un danno pesantissimo per un settore fondamentale dell’economia italiana e del nostro territorio. Il porto di Civitavecchia, per esempio, rappresenta un valore aggiunto per la nostra Regione, in termini di lavoro e di sviluppo. Il porto di Roma è uno dei porti principali del nostro Paese e tra i primi in Europa: dobbiamo difenderlo. Auspichiamo in un ripensamento del governo già lunedì”, concludono.