cantieri Cantieri&Difesa Oil & Gas

Effetto sanzioni: Sovcomflot non può acquistare tre metaniere, il cantiere le rivende a prezzo maggiorato

Il costo di una singola nave è balzato da oltre 180 milioni di dollari a 240 milioni di dollari, con un aumento di quasi 60 milioni

Seul – Colpiti dalle sanzioni dell’UE, i cantieri navali sudcoreani stanno annullando diversi contratti di costruzione per navi da trasporto Gnl russe: questi ordini di navi “a basso prezzo” dell’anno sono ora diventati il boccone prediletto del mercato del Gnl.

Il 6 luglio scorso, Korea Shipbuilding & Marine, la holding del gruppo Hyundai Heavy Industries Group, ha reso noto che gli oggetti, il valore e la durata del contratto delle tre navi Gnl firmati fra gennaio e luglio 2021 “sono cambiati”.

Il cantiere ha firmato un contratto di costruzione per una nave Gnl da 174.000 metri cubi con un armatore liberiano nel gennaio 2021 a un prezzo contrattuale di 198,9 miliardi di won (circa 182 milioni di dollari all’epoca); a luglio 2021, la società ha firmato un ulteriore contratto di costruzione con l’armatore per due tanker Gnl da 174.000 metri cubi, con un prezzo totale del contratto di 420,7 miliardi di won (circa 371 milioni di dollari all’epoca) e un costo di una sola nave di circa 185,5 milioni di dollari.

Questo tipo di nave ha una lunghezza totale di 289,9 metri e una larghezza di 46,1 metro, è dotato di un sistema di riliquefazione del GNL, in grado di ri-liquefare il gas di evaporazione generato durante il trasporto di GNL, migliorare ulteriormente l’economia del trasporto del gas medesimo. 

Secondo l’International Ship Network, le tre navi saranno costruite presso Hyundai Samho Heavy Industries nella contea di Yeongam, Jeollanam-do, e dovrebbero essere consegnate agli armatori rispettivamente nella seconda metà del 2023 e nella seconda metà del 2024.

Sebbene la Korea Shipbuilding & Marine Corporation non abbia rivelato il paese a cui appartenevano le parti coinvolte nell’ordine iniziale, secondo fonti dei media coreani, il committente potrebbe essere la compagnia di navigazione statale russa Sovcomflot. Secondo i dati di Clarkson, Sovcomflot ha ordinato tre navi Gnl alla Hyundai Samho Heavy Industries a gennaio e luglio 2021. I tempi di consegna e il prezzo della nave sono in linea con la descrizione di Korea Shipbuilding Marine.

Le tre navi in costruzione, insieme alla nave da 174.000 metri cubi “SCF La Perouse” consegnata a Sovcomflot nel 2020 da Hyundai, erano originariamente destinate al noleggio per sette anni a Total Energy, che per rispettare le sanzioni europee contro la Russia ha annullato il contratto.

Un funzionario della Korea Shipbuilding & Marine ha dichiarato: “Le due parti hanno raggiunto un accordo per risolvere il contratto dopo la trattativa con l’armatore. Dopo la risoluzione del contratto, la società ha firmato nuovi contratti per la vendita per queste tre navi metaniere”.

Secondo la stampa coreana, il prezzo totale del nuovo contratto delle tre navi ha raggiunto 942,3 miliardi di won (circa 720 milioni di dollari), con un aumento del 32,27% rispetto al prezzo totale del contratto di 619,6 miliardi di won dell’anno scorso. Il costo di una singola nave è balzato da oltre 180 milioni di dollari a 240 milioni di dollari, con un aumento di quasi 60 milioni di dollari.

Pare che Alpha Gas, di proprietà dell’armatore greco Anna Angelicoussis, sia l’acquirente “dietro le quinte” delle tre metaniere: la flotta della compagnia attualmente gestisce cinque navi Gnl. Le tre navi metaniere continueranno a essere costruite da Hyundai Samho Heavy Industries e dovrebbero essere consegnate rispettivamente nell’agosto 2023 e nell’agosto 2024, lo stesso periodo di consegna del contratto originale.

Secondo gli esperti del settore in Corea del Sud, il prezzo del contratto delle navi metaniere da 174.000 metri cubi ha superato i 310 miliardi di won per nave. Sebbene vi sia anche un fattore di deprezzamento del won coreano rispetto al dollaro Usa, sembra si tratti più un conseguenza della crescente domanda di navi di questo tipo.

Attualmente, le tre principali società di costruzioni navali della Corea del Sud hanno ricevuto 63 ordini di navi Gnl quest’anno.