Lavoro Traghetti

Moby e CIN-Tirrenia, Filt-Cgil: “Priorità ai piani di risanamento a tutela dei lavoratori”

Il segretario nazionale Colombo: “L’esito dell’udienza presso Tribunale di Milano sulla nuova proposta di concordato preventivo ci conforta. Ora si chiuda la partita”

Roma – “L’attenzione all’evoluzione del percorso dei piani di risanamento di Cin Tirrenia e Moby rappresenta, in questa fase, la priorità che tutti ci dobbiamo dare al fine di salvaguardare l’occupazione e la stessa marineria italiana”.

Ad affermarlo è il segretario nazionale della Filt Cgil, Natale Colombo, spiegando che “l’esito dell’udienza presso Tribunale di Milano sulla nuova proposta di concordato preventivo ci conforta e ci proietta in una nuova concreta dimensione per la realizzazione complessiva degli accordi con tutti i creditori, considerando che le nuove e migliori condizioni del piano di rientro dal debito sono già state avallate dallo stesso Tribunale”.

“Ora auspichiamo – sostiene il dirigente nazionale della Filt Cgil – che i commissari di Tirrenia in amministrazione straordinaria siano responsabilmente pronti a valutare asetticamente e con serenità quanto proposto, al fine di poter andare a chiudere l’intera partita mettendo in sicurezza anche i circa 6 mila lavoratori in capo alle due aziende”.

“Dal canto suo – conclude Colombo – il ministero dello Sviluppo Economico, nel pieno rispetto delle regole, è formalmente invitato a fare rapidamente le proprie valutazioni ed a trasferirle agli stessi commissari sapendo che il Tribunale, così come i lavoratori, non potranno attendere all’infinito e né tantomeno sentirsi perennemente in bilico”.