Porti e Infrastrutture

Per i porti di Venezia e Chioggia traffico commerciale da record nel 2023/Il documento

A Venezia anche 507.980 passeggeri con una crescita del 121% rispetto al 2022

Venezia – Nel 2023 il porto di Venezia ha ottenuto il miglior risultato della sua storia nel settore commerciale grazie alla crescita dei prodotti siderurgici (2.162.210 tonnellate con un aumento del 35%), del traffico Ro/Ro (2.273.494 tonnellate con un segno più del 13%) e delle rinfuse solide (1.682.348 tonnellate e balzo in avanti del 18.1% rispetto allo scorso anno). Un mix che ha permesso allo scalo lagunare di raggiungere l’importante traguardo nonostante la flessione nel settore container (-3,5% tonnellate). Anche dal punto di vista dei passeggeri arrivano dati confortanti per Venezia (nella foto) con 507.980 passeggeri (+121% rispetto al 2022) di cui 447.027 in modalità “homeport”. Bene anche il porto di Chioggia con 747 mila tonnellate di merci movimentate, decisa impennata anche per i crocieristi che registrano un aumento del 221.4% con 52.625 passeggeri nel corso del 2023. Per quanto riguarda il traffico ferroviario la performance è stata sulla stessa linea del 2022: sono state trasportate via ferro oltre 2 milioni di tonnellate, pari a 4.400 treni lavorati.

 “I dati di traffico del 2023 confermano alcune tendenze che ci confortano nelle scelte adottate per progettare il sistema portuale del futuro”, commenta Fulvio Lino Di Blasio, presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico Settentrionale (nella foto) “Innanzitutto, emerge come gli investimenti effettuati e le attività intraprese in questi anni hanno garantito un pieno sostegno a settori in piena crescita. Le nuove concessioni a terminal commerciali nel settore della movimentazione del cemento, l’implementazione della modalità ferroviaria e i progetti commissariali hanno infatti dimostrato di produrre effetti positivi evidenti. Per quanto riguarda invece il settore industriale della chimica e del settore energetico, che trascinano al ribasso il risultato complessivo del 2023, stiamo assistendo a riposizionamenti strategici connessi per lo più a fenomeni globali esogeni che vedranno la propria stabilizzazione nel medio periodo. Infine, risulta lampante come il traffico ferroviario sia diventato elemento centrale per lo sviluppo del sistema portuale”. 

Powered By EmbedPress