Green&Tech

Idrogeno, a Enea 52 milioni per un progetto quinquennale

Il progetto Enea durerà 5 anni e si pone l’obiettivo di contribuire a colmare il gap tra lo sviluppo e la validazione di tecnologie innovative a scala di laboratorio e il livello di impianto pilota

Roma – Enea riceverà 52 milioni per un progetto quinquennale nel campo dell’idrogeno che mira a supportare l’industria nella fase di prima industrializzazione.

Si tratta di una quota del finanziamento Ue di 5,4 miliardi di euro dell’Ipcei Hy2Tech, di cui 1 miliardo per l’Italia, che partecipa con 6 progetti industriali (Alstom, Ansaldo, De Nora/Snam, Enel, Fincantieri, Iveco) e i 2 progetti di R&I di Enea e Fondazione Bruno Kessler (Fbk). Lo rende noto l’agenzia Enea.

”La partecipazione dell’Enea e degli altri partner italiani al progetto Ipcei Hy2Tech consentirà al nostro Paese di sfruttare le considerevoli opportunità derivanti dall’utilizzo dell’idrogeno nei diversi settori applicativi, quali industria, trasporti, civile e residenziale, quest’ultimo in blending con gas naturale”. È il commento del presidente dell’Enea Gilberto Dialuce.  

”Nel settore dell’idrogeno, come agenzia conduciamo da molto tempo a livello nazionale e internazionale attività di R&I, in stretta collaborazione con gli operatori industriali del settore, e supportiamo come advisor tecnico-scientifico il ministero della Transizione ecologica e il ministero dello Sviluppo economico nel perseguimento degli obiettivi strategici previsti in ambito Pnrr, mission innovation e Ipcei”.

L’Ipcei Hy2Tech riunisce 35 partner provenienti da 15 stati membri: Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Slovacchia e Spagna.

Il progetto Enea durerà 5 anni e si pone l’obiettivo di contribuire a colmare il gap tra lo sviluppo e la validazione di tecnologie innovative a scala di laboratorio e il livello di impianto pilota, supportando l’industria nella fase di prima industrializzazione