Yacht

Il Salone Nautico resterà a Genova per almeno altri 12 anni: accordo fra Confindustria Nautica ed enti liguri

Genova – Il Salone Nautico Internazionale, organizzato da Confindustria Nautica, rimarrà a Genova per ulteriori dieci anni dalla conclusione del progetto del Waterfront di Levante di cui utilizzerà aree e specchi acquei, con l’impegno di tutti i soggetti coinvolti a rafforzarlo e svilupparlo ulteriormente. In totale sono quindi almeno 12 gli anni previsti all’ombra della Lanterna. Non solo: il Salone consoliderà il suo radicamento nel territorio genovese, rafforzando il valore della manifestazione, preservandola da iniziative concorrenziali e potenziandola quale punto di riferimento per l’intero settore della nautica da diporto in Europa e nel Mediterraneo. E’ quanto prevede il protocollo siglato a Roma, a Villa Miani, dal presidente di Confindustria Nautica, Saverio Cecchi, dal presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, dal sindaco di Genova, Marco Bucci, dal presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, Paolo Emilio Signorini, dal presidente della società Porto Antico, Mauro Ferrando e dal presidente della Camera di Commercio di Genova, Luigi Attanasio.
Bucci: “L’obiettivo è fare un Salone di livello mondiale. Abbiamo tutte le premesse per fare qualcosa di unico al mondo”. Estremamente positivo il commento di Carlo Bonomi, presidente di Confindustra. “E’ tra le più grandi eccellenze italiane. Uno yacht su due oltre i 24 metri in costruzione nel mondo è prodotto nel nostro Paese: 407 imbarcazioni su 821. Non chiediamo bonus, ma semplificazione. La burocrazia è un ostacolo”.
Infine il presidente di Regione Liguria, Giovanni Toti. “Questo documento è la prova di come il ‘modello Liguria si possa e si debba applicare a diversi ambiti, per traguardare, grazie alla concreta e positiva collaborazione tra soggetti diversi, risultati straordinari per la crescita e lo sviluppo della nostra regione. : in questo caso l’impegno e la comunione di intenti tra Confindustria Nautica e le Istituzioni ed Enti del territorio garantiranno lo sviluppo futuro del Salone Nautico Internazionale che continuerà ad essere per molti anni il fiore all’occhiello di Genova e della Liguria. Non dobbiamo dimenticare che è grazie a questa sinergia che il Salone Nautico di Genova è stato l’unico a svolgersi in presenza durante la pandemia ed è diventato, anno dopo anno, un punto di riferimento indiscusso per il settore a livello mondiale”.