Energia e Ambiente Shipping e Logistica

Inaugurata a Singapore la “Marta Cosulich”, cisterna bunker pronta per il metanolo

La nave del gruppo genovese va a rafforzare la Fratelli Cosulich Bunkers Singapore. Una nuova unità in consegna a fine 2025

Genova – Fratelli Cosulich inaugura una nuova nave, è la ‘Marta Cosulich’ nella Baia di Singapore. Un evento che segna una tappa significativa nei piani di sviluppo del gruppo genovese impegnato a investire in una flotta moderna ed efficiente.

La ‘Marta Cosulich’, una cisterna bunker chimica Imo2, va a rafforzare la Fratelli Cosulich Bunkers Singapore che ha avviato la propria attività di fornitura fisica nel 2005, segnando una tappa fondamentale nelle operazioni di bunkeraggio globali del gruppo. Da allora, la società ha ampliato e modernizzato la propria flotta locale, che ora comprende cinque navi cisterna bunker, la ‘Marta Cosulich’ e un’altra in costruzione con consegna entro la fine del 2025.

“Il gruppo – spiega una nota – è impegnato a rafforzare la propria presenza nel porto di Singapore, il più grande hub di bunkeraggio al mondo. I nostri investimenti in nuovi asset, progettati per trasportare carburanti alternativi, sono in linea con l’ambizione di Singapore di essere leader nella decarbonizzazione marittima, pur mantenendo il proprio vantaggio competitivo. Siamo onorati di contribuire al successo di Singapore e supportare l’Autorità Portuale Marittima nel raggiungimento dei suoi obiettivi ambiziosi”.

Spiega il gruppo genovese guidato da Augusto Cosulich: “La ‘Marta Cosulich’, con i suoi 8.7000 m3, riflette il nostro approccio proattivo alla navigazione sostenibile. Essendo la prima nave della nostra flotta pronta a trasportare metanolo, dimostra che siamo pronti anche a servire l’industria con uno dei carburanti del futuro. Ci impegniamo ad aprire la strada alla responsabilità ambientale, non solo con il metanolo, ma anche attraverso il nostro impegno verso il Gnl e altre tecnologie emergenti volte a ridurre l’impatto ambientale delle nostre attività”.
Madrina della nave durante la cerimonia è stata Marta Cosulich, amministratore delegato e membro del consiglio di amministrazione della Fratelli Cosulich.