Porti e Infrastrutture Shipping e Logistica

Intesa Medkon-porto Taranto, obiettivo dei turchi raggiungere 50mila tonnellate all’anno

Diversi i settori dell’economia che potranno sfruttare questo nuovo scalo ionico per consolidarsi o entrare nei mercati del bacino del Mediterraneo

Roma –  È ufficiale, la partnership tra l’operatore marittimo turco Medkon Lines e il porto di Taranto concretizza l’iniziativa di intensificare gli scambi commerciali tra l’Italia e la Turchia, con l’obiettivo della Medkon di raggiungere i 50mila tonnellate all’anno (5000 TEU). Il primo approdo al San Cataldo Container Terminal è avvenuto lo scorso 2 maggio, la Medkon Mersin, proveniente da Tunisi, ha sbarcato le prime unità di container vuote per poi far rientro in Turchia al porto di Ambarli. Diversi i settori dell’economia che potranno sfruttare questo nuovo scalo ionico per consolidarsi o entrare nei mercati del bacino del Mediterraneo: farmaceutico, chimico, legno e arredo, calzaturiero, l’aereospaziale e industriale.

Sarà la Seaway Agency, partner della barese Gts Holding, l’agente per l’Italia: “l’obiettivo  – commenta Luigi Foglio, amministratore dell’agenzia – è quello di rendere Taranto un porto strategico e più attrattivo per linee utili allo sviluppo commerciale dell’area. C’è un alto potenziale sia per le importazioni che per le esportazioni, il mercato lo ha già dimostrato con trend di crescita altissimi, nel 2022 infatti il volume degli scambi con la Turchia ha superato i 23 miliardi. Medkon si aggiudica un’ottima copertura in Italia con una migliore flessibilità riguardo container per il trasporto sia dry che refrigerato, noi ci assicuriamo una più efficiente attività di scambio con la Turchia e non solo, insomma una vera spinta per entrambe le economie. E il nostro compito – conclude Foglio – sarà quello di fornire sia assistenza tecnica e operativa sia di sviluppare al meglio le attività commerciali locali”.

Il network della Medkon si rafforza con collegamenti diretti tra Turchia – Tunisia – Spagna e tra Turchia-Italia. In particolare, il nuovo collegamento è stato inserito nella rotazione del TST service che scalerà direttamente nei porti di Ambarli , Gebze, Aliaga, Valencia, Barcellona, Tunisi Rades, Taranto. In trasbordo servirà i porti di Varna, Constanta, Beirut, Alexandria, Misurata, Ashdod, Haifa.

E già si sta lavorando a prossimi collegamenti intermodali per tutto il Nord Italia ed il Nord Europa grazie all’operatività ferroviaria del terminal e alla collaborazione con il gruppo Gts Spa.