Porti e Infrastrutture

ISCD Index: Singapore è la capitale mondiale dello shipping per il settimo anno consecutivo

Milano – Per il settimo anno consecutivo, Singapore resta la capitale mondiale dello shipping. Seguono, in termini di importanza, Londra, Shanghai, Hong Kong e Dubai. A stabilirlo è l’indice ISCD (International Shipping Center Development, 2020) dello Xinhua-Baltic, giunto alla settima edizione, secondo il quale Singapore si colloca in vetta grazie ai “vantaggi della posizione geografica, dell’ecosistema che gravita intorno al settore marittimo e delle politiche governative di sostegno al settore”.

Nel frattempo, Londra ha guadagnato una posizione tornando al secondo posto dopo essere scesa al terzo nel 2018 e nel 2019. Un altro paese tra i primi cinque, Dubai, si è classificato al quinto posto per il terzo anno consecutivo.

Shangai, il più grande porto in termini di movimentazione di container, ha visto un costante miglioramento delle strutture portuali e dei livelli dei servizi di spedizione, ed è salito per la prima volta tra i primi tre. Mentre Hong Kong ha perso terreno scendendo al quarto posto, a causa di un riduzione della movimentazione di merci e di un minore appeal come centro nevralgico di settori quali intermediazione navale, assicurazioni e servizi legali. Rotterdam e Amburgo hanno mantenuto le loro posizioni dal 2018, rispettivamente al sesto e al settimo posto. Atene è salita all’ottavo posto, beneficiando di un contesto economico in miglioramento, seguita da New York-New Jersey e Tokyo, anch’essi inclusi nella top-10.

La classifica dei primi dieci centri dello shipping più importanti al mondo