Logistica

Iveco, 3 miliardi di ricavi nel primo trimestre

Ordini record, ma pesa la mancanza di componenti. Utile netto di 42 milioni per la società nata dallo spin off da Cnh Industrial, gruppo Exor

Genova – Iveco Group chiude il primo trimestre del 2022 – nell’anno di esordio come società autonoma dopo lo spin off da Cnh Industrial – con 3 miliardi di euro di ricavi consolidati (in aumento del 2% anno su anno), un utile netto adjusted di 42 milioni (60 milioni nello stesso periodo 2021) e l’ebit adjusted pari a 102 milioni (134 milioni). Il free cash flow delle Attività Industriali negativo per 166 milioni, è tuttavia in miglioramento di 137 milioni rispetto al primo trimestre 2021.

In sostanza, Iveco realizza un buon primo trimestre nel suo primo anno di indipendenza, con un portafoglio ordini record, che però non è riuscito a trasformare in maggiori ricavi e immatricolazioni di veicoli a causa delle carenze di componenti.

Soddisfatto l’amministratore delegato, Gerrit Marx. “Nel primo trimestre del nostro primo anno come società indipendente – spiega il ceo della società controllata da Exor, holding della famiglia Agnelli guidata da John Elkann – sono lieto di annunciare una solida performance, principalmente dei veicoli commerciali leggeri e degli autobus, nonostante i continui problemi della catena logistico-produttiva e gli aumenti dei prezzi delle materie prime”.

Marx sottolinea in particolare la gestione “estremamente attenta” della liquidità di Iveco. “L’assorbimento stagionale del free cash flow delle attività industriali – aggiunge – è stato pari a 166 milioni, in miglioramento di 137 milioni rispetto al primo trimestre dello scorso anno, mentre la liquidità disponibile rimane solida a 3,4 miliardi”. Nel secondo trimestre in Iveco prevedono i maggiori impatti per l’intero anno derivanti dalla carenza di componenti. “Continueremo a mantenere un forte controllo sul capitale di funzionamento e sul flusso di cassa – sostiene Marx – Il difficile contesto attuale sta rafforzando ulteriormente la nostra resilienza e determinazione a produrre risultati per tutto il 2022 e oltre”.