Cantieri&Difesa Crociere

La Allure of the Seas autorizzata a entrare in bacino a Cadice per lavori di refitting

Cadice – La nave da crociere Allure of the Seas (Royal Caribbean) è stata autorizzata a entrane nel cantiere navale Navantia, a Cadice, per portare a termine i lavori di refitting programmati prima della pandemia.

Il ministero della Salute spagnolo ha finalmente consentito l’ingresso della nave in bacino, dove verrà effettuata la prima parte dei lavori rinviati lo scorso marzo. La nave Royal Caribbean arriverà nei prossimi giorni da Gibilterra, dove è ancorata per trasferire parte del suo equipaggio a un’altra nave da crociera della stessa compagnia di navigazione, la “Jewel of the Seas”, per ridurre il numero di persone a bordo prima per entrare a Cadice.

La nave ha navigato al largo della costa di Southampton per più di 60 giorni, in modo che il suo equipaggio non abbia toccato terra durante il periodo che precede i lavori. Un’ordinanza ministeriale stabilisce il divieto esplicito di entrare nei porti spagnoli alle navi passeggeri con qualsiasi origine, sebbene sia contemplata la possibilità di ammettere eccezioni preventivamente autorizzate. L’ordinanza stabilisce in ogni caso un limite per l’equipaggio di manutenzione a bordo di 40 membri, una soglia impossibile per tutte le unità da crociera in particolare su questa nave, la cui scheda tecnica indica in 285 in numero minimo di membri dell’equipaggio destinati alla manutenzione. La Allure of the Seas, gemella delle navi Oasis, Symphony e Harmony, è una delle navi da crociera più grandi del mondo con una lunghezza di 361 metri e 225.282 tonnellate di stazza lorda. La riparazione della Allure of the Seas impiegherà più di 500 lavoratori del cantiere Navantia e dell’indotto e richiederà un mese.