Oil & Gas Primo Piano

La d’Amico di Navigazione pronta a entrare nel business del trasporto di gas naturale liquefatto

Per la società romana si tratta di realizzare un piano di investimenti importante

Genova – Il business del trasporto del gas naturale liquefatto (Gnl) e dei rigassificatori ingolosisce gli armatori italiani. L’emergenza dell’approvvigionamento di gas dovuto al taglio delle forniture della Russia ha accelerato i colloqui in corso da tempo fra Snam (soprattutto), ma anche Eni, Enel ed Edison con le aziende dello shipping potenzialmente interessate. Il primo gruppo a muoversi, secondo quanto risulta a Shipmag, è d’Amico di Navigazione, guidata dai cugini Cesare (foto) e Paolo d’Amico.

La società, leader nel trasporto dei carichi liquidi e secchi, avrebbe deciso di aprire una terza linea di business: il trasporto di Gnl. I tempi sono stretti: i due rigassificatori della Snam, ad esempio, entreranno in funzione uno il prossimo anno (a Piombino) e l’altro nel 2024 (Ravenna). Il fatto chei terminal possano essere approvvigionati con continuità da una flotta adeguata di gasiere è un’esigenza strategica.
Per la società romana si tratta di realizzare un piano di investimenti importante: il costo di una nave per Gnl varia fra i 100 e i 200 milioni di dollari, a seconda delle dimensioni.