Cargo Porti

“La Ever Given resta sotto sequestro”. Giudice egiziano rigetta ricorso per liberare la nave

Suez – La portacontainer Ever Given non lascerà l’Egitto, fino a quando non si troverà un accordo sul risarcimento di oltre 900 milioni di dollari chiesto dall’Autorità del Canale di Suez (SCA) ai proprietari della nave . A confermare il sequestro, riporta Bloomberg, è una sentenza del tribunale della città egiziana di Ismaila che ha rigettato un ricorso legale per liberare la nave.

La decisione, puntualizza Bloomberg, è stata annunciata oggi. L’appello è stato fissato per il 22 maggio.

La Ever Given, lungo 400 metri, è di proprietà della giapponese Shoei Kisen Kaisha Ltd. ed era noleggiata dalla Evergreen Line di Taiwan quando è rimasta bloccata il 23 marzo nell’estremità meridionale del canale per sei giorni.

La nave, in viaggio dalla Cina a Rotterdam, è stata liberata dopo una laboriosa operazione che ha coinvolto potenti rimorchiatori e scavatori. Ha navigato verso il Great Bitter Lake, circa a metà strada lungo il canale, e da allora è rimasta lì.

Il tribunale ha accolto la richiesta dell’Autorità del Canale di Suez per il sequestro a metà aprile, nel frattempo le trattative per il risarcimento si sono complicate. L’Authority rivendica che il blocco della nave per sei giorni abbia condizionato pesantemente i traffici marittimi perché centinaia di navi hanno dovuto attendere la riapertura del canale, che può ridurre di due settimane il viaggio tra Asia ed Europa.

La SCA ha quindi ribadito che è necessario un risarcimento per coprire le perdite delle tasse di transito, i danni creati dalle operazioni di dragaggio e di salvataggio della nave, in più i costi delle attrezzature e della manodopera.