Crociere

La festa dei lavoratori delle crociere: Costa e MSC ripartono dalla Liguria

Genova – Un giorno speciale per riprendere la rotta giusta dopo il letargo causa Covid, dalla Liguria ripartirà più forte il settore crocieristico: il primo maggio, durante la festa dei lavoratori, il segnale di speranza arriverà da Genova e Savona per un comparto che ha pagato un prezzo altissimo per colpa della pandemia.

Nel capoluogo ligure sarà salutato il ritorno alla navigazione MSC Seaside, una delle ultime navi e tra le più innovative sul piano della sostenibilità ambientale ad aver fatto ingresso nella flotta di MSC Crociere: affiancherà l’ammiraglia MSC Grandiosa, la prima nave al mondo ad aver ripreso le crociere dopo il lockdown ad agosto 2020 e che ha trasportato finora in sicurezza oltre 40.000 ospiti con un rigoroso protocollo di salute e sicurezza che sarà replicato con MSC Seaside. Che effettuerà un itinerario inedito, con partenza da Genova tutti i sabati, che prevede crociere di una settimana con scali a Malta, Civitavecchia e – per la prima volta nella storia della Compagnia – anche a Siracusa e a Taranto. I crocieristi potranno scegliere di imbarcarsi indifferentemente in ogni porto italiano previsto dall’itinerario, in funzione di quello più comodo da raggiungere.

A Savona invece la prima nave a ripartire sarà Costa Smeralda: mini-crociere di tre e quattro giorni, che consentiranno di godere di una vacanza più breve o, in alternativa, un’intera crociera di una settimana, con scali a Savona, La Spezia, Civitavecchia, Napoli, Messina e Cagliari.

Questo itinerario dedicato all’Italia sarà prolungato sino al 3 luglio, quando la nave tornerà a proporre crociere di una settimana che visiteranno Savona, Marsiglia, Barcellona, Palma di Maiorca, Palermo e Civitavecchia. Sempre con l’applicazione del Costa Safety Protocol: un protocollo a tutela della tua salute che integra nuove procedure operative adeguate alle esigenze di risposta alla situazione COVID-19, nel rispetto delle norme sanitarie nazionali ed internazionali.

C’è voglia di ripartire e le proiezioni che emergono dal rapporto annuale di Cruise Industry News 2021 danno fiducia all’intero sistema crocieristico che ha bisogno di ossigeno dopo la crisi innescata dal Covid. Le stime infatti a livello europeo parlano di una richiesta di oltre 9 milioni di passeggeri destinata a crescere a 11,5 milioni entro il 2027. Nel complesso, la capacità di mercato del marchio europeo è stimata a 9,2 milioni di passeggeri nel 2022 e a 11,5 milioni entro il 2027.