Lavoro Porti

Lavoro, sbloccato il 15 bis nel porto di Napoli

Napoli – “Nel corso di un incontro con i vertici dell’AdSP siamo stati informati che la controversa vicenda sull’utilizzo delle risorse previste dal comma 15-bis, ultimo capoverso, dell’articolo 17 della legge 84/94 sembrerebbe aver trovato finalmente soluzione”. Lo scrivono i sindacati napoletani in una nota congiunta.

“Dopo anni di richieste, battaglie interpretative e lotte per rimuovere ideologie incardinate nella cultura malsana di molti, abbiamo trovato finalmente sul tavolo del presidente Spirito, congiuntamente al segretario generale, una risposta rassicurante per i lavoratori della CULP comunicata dalla “sollecita” risposta del ministero delle Infrastrutture e Trasporti al quesito posto dall’Amministrazione”, informano i sindacati.

“Non possiamo esimerci dal congratularci con il personale dell’AdSP che ha costruito una tesi convincente con il Mit e con i vertici dell’Autorità che, superando gli ostacoli che ne hanno impedito l’azione già qualche tempo fa, sono stati in grado di farci partecipi di questo ottimo risultato”.

“Sembra concludersi positivamente, quindi, il procedimento di erogazione del 15 bis, ultimo capoverso, ai lavoratori dell’art. 17 del porto di Napoli delle risorse necessarie a salvaguardare l’occupazione e rilanciare il ruolo del lavoro temporaneo nel sistema portuale campano”.

“La rapidità con cui il Ministero ha risposto alla sollecitazione dell’AdSP rappresenta un dato di certezza che va rapidamente incassato e posto nell’immediata disponibilità della CULP di Napoli.  Chiediamo pertanto, fin da subito, che il passaggio venga tradotto in atti formali volto a raggiungere gli obiettivi prefissati e consentire all’Art. 17 di Napoli di ristabilire il proprio equilibrio economico finanziario, a tutela dell’operatività del porto”.