Shipping e Logistica

Linea ro-ro Trieste-Damietta, Alesse (Adm): “Il servizio facilita gli scambi internazionali”

“Il Memorandum per le facilitazioni transfrontaliere, firmato a Il Cairo, è fondamentale per agevolare il trasporto merci”

Berlino – Il direttore dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, Roberto Alesse, ha partecipato, durante la Fiera internazionale Fruit Logistica di Berlino, a una tavola rotonda sul nuovo servizio ro-ro attivato tra il porto di Trieste e quello di Damietta in Egitto. Il servizio consente alle navi di poter direttamente caricare e scaricare le merci con un notevole risparmio di tempo, costi ed energia. ”Tra gli obiettivi dell’Agenzia – ha detto Alesse – vi è sicuramente quello di facilitare il commercio internazionale, anche promuovendo l’utilizzo di nuove tecnologie. L’Adm è focalizzata sulla dimensione internazionale della politica doganale e sulle intese strategiche con i Paesi a noi vicini. Il Memorandum per le facilitazioni transfrontaliere, firmato a Il Cairo dall’Adm e l’Egyptian Customs Autority, è fondamentale per agevolare il trasporto merci. Siamo quotidianamente impegnati ad ascoltare le esigenze degli operatori commerciali e, sulla base delle indicazioni recepite, a sostenerne il ruolo” ha spiegato ancora Alesse.
Il progetto si avvale di un’avanzata innovazione tecnologica. Sarà possibile, infatti, seguire i container grazie a un collegamento satellitare e a un sistema di scambio dati, consentendo alle Autorità doganali di verificare l’assenza di qualsivoglia interferenza durante il viaggio. “La ricaduta più importante di questo nuovo collegamento marittimo – informa l’Adsp di Trieste – sarà sul fronte dell’import/export. Con un transit time di circa 70 ore e l’opportunità di spedire carichi e colli singoli, il servizio può aprire la strada dell’Egitto e, più in generale, dei Paesi africani anche subsahariani, alle esportazioni della manifattura italiana e di generi di consumo e prodotti industriali, come impianti e macchinari. Grazie all’iniziativa il nearshoring diventa possibile, rendendo più competitive anche le merci delle imprese italiane che decidono di localizzare in Egitto parte dei loro siti produttivi. La merce sarà sdoganata ancora prima dell’arrivo in porto, con l’impiego di tecnologia blockchain e digitalizzazione dei documenti, che collegherà i dati delle amministrazioni doganali dei due Paesi. Il servizio invece sarà gestito dal gruppo armatoriale e logistico danese Dfds, che a Trieste controlla i terminal di Riva Traiana e Molo V, in collaborazione con Med Roll. Coinvolti anche la Samer & Co. Shipping, agente generale di Dfds e socia di Med Roll, oltre alla Società Alpe Adria che avrà il compito di gestire la parte intermodale verso le destinazioni ferroviarie europee. Ma vi saranno anche nuove opportunità per le imprese italiane di autotrasporto, autorizzate dall’accordo tra i due Paesi, ad operare anche sul mercato interno egiziano, in particolare per chi trasporta carichi secchi”.

Dei 200 semirimorchi che la nave ro-ro ha la capacità di trasportare, 60 potranno essere refrigerati con altrettante prese elettriche: si possono quindi trasportare anche i prodotti più deperibili dell’ortofrutta che viaggeranno verso Duisport, gli altri invece verso le destinazioni servite dal network intermodale dello scalo giuliano.