Economia e Finanza Energia e Ambiente

Il caldo estremo in Asia spinge a livelli record le importazioni di gas naturale liquefatto

L’India ha registrato i livelli di importazione più alti di sempre nel mese di maggio, pari a 2,4 milioni di tonnellate

Londra – Le temperature estreme in tutta l’Asia stanno facendo aumentare la domanda di gas naturale liquefatto nella regione: è questa la principale spiegazione al fortissimo incremento delle importazioni, che hanno già raggiunto livelli record.

Questo fenomeno, secondo gli analisti, potrebbe restringere l’offerta disponibile e aumentare ulteriormente i prezzi spot asiatici che sono già aumentati di un terzo da aprile, con le ondate di caldo nel sud e nel sud-est asiatico che favoriscono l’uso di condizionatori e altre tecniche di raffreddamento. I prezzi sono ora al picco di quasi sei mesi, a 12 dollari per milione di unità termiche britanniche (mmBtu), e si prevede che rimarranno molto elevati.

“I prezzi spot sono guidati dalla domanda asiatica. Le temperature nell’Asia meridionale stanno aumentando a causa di un’ondata di caldo, che aumenta la domanda di energia”, ha spiegato alla stampa di settore Siamak Adibi, della società di consulenza energetica Fge.

“Mentre la Cina dovrebbe registrare una domanda inferiore rispetto alle spedizioni record del 2021, la domanda proveniente dall’India e dal resto dell’Asia ha compensato ampiamente qualsiasi calo”, ha affermato Adibi.

Parti del Sud e del Sud-Est asiatico hanno registrato un caldo estremo e temperature record nei mesi di aprile e maggio, aumentando il consumo di elettricità e mettendo a dura prova le forniture elettriche. In India decine di persone sono morte per sospetto colpo di calore negli stati orientali di Bihar e Odisha.

Secondo la società di analisi Kpler, le importazioni di gas dell’Asia meridionale sono aumentate di quasi il 20% rispetto all’anno precedente, raggiungendo i 3,8 milioni di tonnellate a maggio. L’India ha registrato i livelli di importazione più alti di sempre nel mese di maggio, pari a 2,4 milioni di tonnellate, mentre i volumi di gas del Bangladesh hanno raggiunto il record mensile storico di 0,6 milioni di tonnellate.

Anche i nuovi importatori Filippine e Vietnam, che hanno iniziato a ricevere spedizioni di gas lo scorso anno, hanno aumentato i loro acquisti. Il Vietnam ha ricevuto tre carichi in aprile e maggio per la produzione di energia, mentre le Filippine hanno ricevuto finora nove carichi quest’anno contro gli 11 dell’intero anno scorso.

La crescente domanda di raffreddamento è destinata a continuare. L’agenzia meteorologica giapponese prevede temperature superiori alla media da giugno ad agosto, e il regolatore energetico cinese ha avvertito che l’approvvigionamento energetico sarà limitato in alcune regioni nei prossimi mesi a causa del crescente consumo.

I dati del governo giapponese hanno mostrato che le scorte di gas da parte dei servizi di pubblica utilità ammontavano a 2,06 milioni di tonnellate al 26 maggio, al di sotto della media quinquennale per il periodo.