Porti e Infrastrutture

Manodopera in porto, ad Alto Adriatico la gara per Monfalcone

La concessione è per 5 anni rinnovabile per altri 5. Investito un milione per la nuova palazzina

Monfalcone – L’impresa Alto Adriatico si è aggiudicata la gara europea bandita dall’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale per la somministrazione di maestranze nei picchi produttivi dello scalo di Monfalcone. Alto Adriatico, guidata dal presidente Mitter Mandolini, è stata l’unica impresa a presentarsi e ha ottenuto la concessione per 5 anni, rinnovabile per altri cinque. L’impresa presieduta da Mitter Mandolini già forniva in proroga l’indispensabile servizio con i cosiddetti articolo 17agli operatori dell’area marittima di Monfalcone. In alto Adriatico, una realtà che lo scorso anno ha fatturato 4,3 milioni di euro, lavorano 114 portuali, di cui 85 a tempo indeterminato e i restanti con contratto interinale.
Alto Adriatico ha deciso di investire 1 milione di euro per la realizzazione di una nuova palazzina per gli spogliatoi, dotata di lavanderia (per la pulizia delle tute da lavoro e di altri dispositivi) e di aule per la formazione. I container utilizzati finora per i servizi igienici verranno, invece, recuperati, ristrutturati e adibiti a servizio mensa.