Lavoro Primo Piano

Il Covid-19 ritorna sulla portaerei Roosevelt: positivi due marinai

New York – Sei mesi dopo il primo focolaio sulla portaerei Theodore Roosevelt – che provocò un terremoto politico a Washington, il licenziamento del comandante della nave e le successive dimissioni del suo superiore – il Covid-19 è tornato sulla nave militare americana.

La Marina ha riferito che due militari a bordo della portaerei a propulsione nucleare, che si in mare vicino a San Diego, sono risultati positivi al virus negli ultimi tre giorni. Entrambi i marinai sono stati evacuati e le persone a bordo della nave con cui avevano avuto contatti sono state messe in quarantena.

“I marinai si sono auto-isolati dopo aver accusato i sintomi, hanno ricevuto cure mediche immediate e sono stati trasportati fuori dalla nave per l’isolamento”, ha detto il comandante Zach Harrell, portavoce delle Forze aeree navali. Il tracciamento dei contatti a bordo della nave è stato ultimato.

La ricomparsa del virus a bordo della Roosevelt ha suscitato ovvie preoccupazioni tra i membri dell’equipaggio che ricordano il drammatico precedente della scorsa primavera, quando un’epidemia a bordo si diffuse a circa 1.100 marinai e portò a una permanenza di una settimana a Guam e al licenziamento del comandante della nave, il capitano Brett Crozier, “colpevole” di aver scritto una lettera chiedendo aiuto al governo americano.