Crociere Green&Tech

Motore a metanolo e trattamento dei rifiuti a bordo: ecco la nuova nave da crociera TUI

Mein Schiff 7 è una nave gemella di Mein Schiff 1 e Mein Schiff 2 e sarà in grado di ospitare fino a 2.894 ospiti

Turku – In attesa di definire linee condivise a livello mondiale sul fronte della decarbonizzazione, come da tempo chiedono le compagnie marittime ai regolatori, ognuno si muove secondo le proprie strategie.

La costruzione della nave da crociera Mein Schiff 7 di TUI Cruises è ufficialmente iniziata al cantiere navale Meyer di Turku, in Finlandia: è stato il CEO Wybcke Meier a tagliare simbolicamente la prima lastra di acciaio.

Mein Schiff 7 è una nave gemella di Mein Schiff 1 e Mein Schiff 2 e sarà in grado di ospitare fino a 2.894 ospiti. Elementi del design Mein Schiff come ristoranti e bar, spa e impianti sportivi e la proporzione di cabine esterne con balcone rimarranno sostanzialmente invariati.

“Dopo due anni di pandemia, siamo tornati in pista e intendiamo continuare la nostra crescita come previsto”, ha affermato Meier. “Siamo certi che le moderne nuove costruzioni, come Mein Schiff 7, genereranno un potenziale di mercato annuo fino a 5 milioni di crocieristi nei prossimi anni”.

La novità di Mein Schiff 7 riguarda la propulsione. La nave sarà alimentata da gasolio marino a basse emissioni e sarà dotata di convertitori catalitici, nonché di una ‘spina’ per il collegamento elettrico a terra. Mein Schiff 7 sarà inoltre dotata di un sistema in grado di triturare i rifiuti organici attraverso un trattamento termico per un ulteriore utilizzo a terra. E non è tutto: Mein Schiff 7 è progettata per essere in grado di funzionare anche a metanolo.

“Siamo davvero entusiasti di continuare la lunga e proficua partnership con TUI Cruises”, ha affermato Tim Meyer, CEO di Meyer Turku. “Ci siamo concentrati sull’ottimizzazione del design per quanto riguarda l’efficienza energetica: le tecnologie per aumentare la sostenibilità e rendere questa nave la migliore dell’intera serie”.