Cargo Green&Tech

Norvegia in festa per il battesimo di Yara Birkeland / Immagini

“Ci vuole coraggio per creare qualcosa di nuovo. Richiede investimento, pazienza e capacità di non arrendersi al primo tentativo“, ha detto il principe ereditario di Norvegia, Haakon Magnus

Oslo – Quasi 500 giovani studenti e il principe ereditario di Norvegia, Haakon Magnus, hanno celebrato il battesimo di Yara Birkeland, la prima nave portacontainer elettrica autonoma al mondo, presso lo stabilimento di Yara Porsgrunn. La nave è stata battezzata da due giovani madrine, entrambe di 12 anni.

La nave trasporterà fertilizzante attraverso il fiordo dallo stabilimento di Porsgrunn di Yara al porto di Brevik, eliminando così le emissioni di carbonio prodotte da 40.000 camion alimentati a diesel carichi all’anno.

“Ci vuole coraggio per creare qualcosa di nuovo. Richiede investimento, pazienza e capacità di non arrendersi al primo tentativo. L’innovazione richiede tentativi ed errori, e ancora tentativi ed errori, finché non si ha successo. Quelli di voi che hanno lavorato in Yara per molti anni sono stati coinvolti in questo ‘circuito’ diverse volte nel corso della storia dell’azienda”, ha affermato Haakon Magnus.

Svein Tore Holsether, presidente e CEO di Yara International, ha aggiunto che “Yara ha preso una decisione coraggiosa nel 2017. Volevamo costruire la prima nave portacontainer al mondo senza emissioni di carbonio. Yara Birkeland è il risultato di ambizione, curiosità e collaborazione. E’ un frutto di un progetto in cui innovazione, sostenibilità e tecnologia si fondono”.

Yara ha sviluppato la nave  a batteria in collaborazione con diversi partner norvegesi. Kongsberg Maritime ha sviluppato e fornito la tecnologia. La nave è stat costruita da Vard (Fincantieri).

Yara Birkeland sarà gestita da una joint venture tra il Gruppo Kongsberg e Massterly, che è di proprietà del Gruppo Wilhelmsen. Enova, di proprietà del Ministero norvegese del clima e dell’ambiente, ha contribuito finanziariamente al progetto.

La nave prende il nome da Kristian Birkeland, un importante scienziato norvegese dell’inizio del XX secolo.