Cargo

Ocean Alliance aggiunge capacità sulla rotta Asia-Europa. E supera i rivali di 2M

Milano – Ocean Alliance gioca d’anticipo e rosicchia quote di mercato sulla rotta Asia-Europa ai consorzi concorrenti 2M (Maersk e MSC) e The Alliance (Hapag-Lloyd, ONE, Yang Ming e HMM). La strategia di CMA CGM, Cosco (incluso OOCL) ed Evergreen si muove controcorrente rispetto a quella dei rivali che hanno deciso di sospendere temporaneamente un ciclo di servizi tra Asia e Europa fino ad ottobre. Con questa mossa, Ocean Alliance aumenta su questa rotta la sua quota di capacità al 39% dal 37% di un anno fa, secondo i dati di Alphaliner.

Mentre la quota di mercato in termini di capacità offerta dai partner 2M Maersk e MSC rimane al 37%, quella di The Alliance scende di due punti percentuali, al 23%. Alphaliner segnala che “la capacità totale delle navi sulla rotta Asia-Europa fino al 1° giugno è stata ben al di sotto dei livelli pre-Covid-19, a 361.100 Teu, il 17,1% in meno rispetto a un anno fa”. L’analisi segnala anche che la capacità di The Alliance e 2M sulla rotta Asia-Europa sono, rispettivamente, inferiori del 22,7% e del 18% rispetto allo scorso anno, a causa della sospensione dei servizi in risposta a Covid-19. “Ocean Alliance non ha sospeso un singolo servizio ma ha annullato le singole navigazioni per limitare la capacità”, ha affermato Alphaliner, rilevando che la sua offerta di capacità era in calo solo del 12,4% rispetto al 1 ° giugno 2019. In altri tempi, osserva la società di analisi, la decisione di Ocean Alliance avrebbe scatenato una guerra dei tassi. Fenomeno che però, al momento, sembra non accadere