Porti e Infrastrutture

Piacenza rassicura i portuali: nessuno stop, l’Adsp lavora, le pratiche vanno avanti

Il commissario dell’Authority genovese: “Ho la pienezza dei poteri, il lavoro amministrativo prosegue così come i cantieri”. Fra dieci giorni convocato il comitato di gestione

Genova – “Oggi le cose sono chiare. Siamo stati rassicurati sul funzionamento dell’ente nella normale gestione. Le pratiche vanno avanti su tutti i temi e già la prossima settimana sarà convocata la prima riunione del tavolo sull’organico porto e nei prossimi dieci giorni il comitato di gestione e la commissione consultiva. Vigileremo che alle parole seguano i fatti: se non vedremo risultati andremo dal prefetto e se necessario anche al ministero”. Enrico Poggi, segretario generale della Filt-Cgil di Genova parla anche a nome dei colleghi di Fit-Cisl e Uiltrasporti al termine dell’incontro, chiesto con forza, e ottenuto, per avere chiarezza e la garanzia che il lavoro del porto non si ferma con l’inchiesta che ha visto l’arresto in carcere dell’ex presidente dell’Adsp passato a Iren e ora sospeso dalle funzioni, Paolo Emilio Signorini, interrogato proprio oggi, e ai domiciliari del presidente della Regione, Giovanni Toti, e dell’imprenditore portuale, Aldo Spinelli,  e che i lavoratori non subiscano ripercussioni.

Il commissario dell’Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Occidentale, Paolo Piacenza, indagato nell’inchiesta che ha interessato la Regione e il porto, ma senza interdittiva, ha confermato ai sindacati di avere “i pieni poteri di commissario”.  C’è stata, inevitabilmente, una scossa di  una decina di giorni di “assestamento” subito dopo il colpo dell’inchiesta, riferiscono i segretari sindacali, ma non uno stop: “Ci hanno spiegato che non c’è nessun tipo di interdizione, nessuna restrizione e che tutti a Palazzo San Giorgio stanno proseguendo l’attività”.

Gli incontri sono stati due:  con Piacenza, accompagnato da Marco Sanguineri e Andrea Calcagno. Il primo più generale, proprio per avere garanzie sul funzionamento dello scalo e la tutela dei lavoratori dell’ente, il secondo dedicato più nello specifico ai temi legati al lavoro della Culmv. “Piacenza ha spiegato che gli uffici stanno lavorando – raccontano i sindacati – non c’è nessuna fermata”. Nessuno stop, né per il lavoro amministrativo, né per i cantieri.

Entro i prossimi dieci giorni il comitato di gestione sarà convocato per deliberare sui temi legati all’attività della Culmv, dalla ricollocazione del personale ai piani di sicurezza, e la prossima settimana ci sarà la prima riunione del tavolo di discussione sull’organico dei porti di Genova, Savona e Vado ligure sulla base dei piani delle imprese. Partite da chiudere entro giugno. Ancora, nessun riflesso negativo – è stato spiegato – sulle aziende partecipate dall’Adsp, come Aeroporto di Genova (alle prese con l’approvazione del bilancio), Ente Bacini (che ha chiesto un allungamento della concessione), Stazioni marittime e Geam.