Interviste Lavoro Porti

PNRR, Federagenti: “Primi passi apprezzabili ma i soldi siano utilizzati per progetti utili”

Il presidente nazionale Santi: ” Ora è necessario vigilare sui prossimi passi soprattutto su temi fondamentali come dragaggi come pure l’accessibilità terrestre di molti porti”

Genova – “Non è il momento di perdersi sulla forma, perché è necessario puntare dritto sui contenuti”, spiega a Shipmag Alessandro Santi, presidente nazionale di Federagenti.

“La questione da porsi non è quindi quella relativa alla fonte di finanziamento che consentirà di realizzare gli interventi nel settore portuale, ovvero se dal PNRR o Fondo complementare o altro). L’importante è che i soldi vengano spesi bene, con tempi precisi di realizzazione e sulla base di progetti utili; il primo obiettivo deve quindi essere la vigilanza su possibili azioni disgiunte a pioggia non finalizzate ad un obiettivo generale di strategia portuale e logistica”, continua Santi.

Che sottolinea ancora: “ Mi pare che i primi passi siano apprezzabili. Rispetto ad altre azioni del PNRR si poteva fare certamente di più per il mare e i porti ma è vero che gli investimenti previsti rappresentano in senso assoluto importi veramente importanti”.

Ma il presidente degli agenti marittimi avverte: “Ora è necessario vigilare sui prossimi passi soprattutto su temi fondamentali come dragaggi (per il mantenimento o miglioramento dell’accessibilità nautica dei porti) come pure l’accessibilità terrestre di molti porti a partire da quello di Genova; particolare attenzione dovrà essere confermata alla tematica della digitalizzazione dei porti e allo snellimento e armonizzazione dei processi”