Economia e Finanza Shipping e Logistica

I prestiti allo shipping tornano a crescere. Ma nessuna banca italiana è nella top 40 mondiale

L’aumento complessivo dei finanziamenti bancari al trasporto marittimo inverte leggermente la tendenza al ribasso registrata dal 2011

Atene – I prestiti delle prime 40 banche al settore marittimo nel 2023 ammontavano a 284,27 miliardi di dollari, in aumento rispetto ai 282,89 miliardi di dollari del 2022, con l’indice Petrofin per il finanziamento marittimo globale che mostra un leggero aumento a quota 62 alla fine del 2023 da quota 61 nel 2022.

Secondo il rapporto annuale di Petrofin sul finanziamento bancario globale dello shipping (disponibile a questo indirizzo), il portafoglio delle banche greche ha mostrato un aumento significativo su base annua del 13%, passando da 13 miliardi di dollari nel 2022 a 15 miliardi di dollari nel 2023. La quota di mercato della Grecia è aumentata dal 4,6% al 5,2 %.

L’aumento complessivo dei finanziamenti bancari al trasporto marittimo inverte leggermente la tendenza al ribasso registrata dal 2011. Le banche dell’Asia e dell’Australasia (Apac) stanno mostrando una crescita significativa: la loro quota di mercato è aumentata dal 43% al 45%. In termini di esposizione effettiva, il loro portafoglio ammonta invece a 127,94 miliardi di dollari rispetto a 120,83 miliardi del 2022. Le banche europee sono in lieve calo, ma rappresentano ancora il più grande settore finanziario al mondo con il 50% nell’elenco delle 40 principali banche di credito al settore marittimo e un portafoglio di 141 miliardi di dollari. In aumento anche i portafogli delle banche francesi, belghe e di altre banche europee. Allo stesso tempo, nessuna delle prime 40 banche al mondo per finanziamenti allo shipping è italiana.

Secondo Petrofin, “il settore bancario globale ha continuato ad affrontare molte sfide nel 2023. Le sfide geopolitiche della guerra in Ucraina, l’aumento delle sanzioni e l’aumento dei prezzi dell’energia, gli attacchi Houthi nel Mar Rosso e il conflitto israeliano con Hamas hanno aggiunto ulteriori complicazioni. Sfortunatamente, nessuno dei problemi sopra elencati sembra essere risolvibile nel prossimo futuro. Quanto sopra ha portato ad una maggiore interruzione degli scambi commerciali. Tuttavia, il Pil globale è cresciuto del 3,2% nel 2023 e si prevede che cresca a un ritmo simile nel 2024, ma in termini di domanda per tonnellate-miglio, gli analisti prevedono una crescita molto più elevata, pari al 4,1% nel 2024 e al 5% previsto nel 2025”.

Ottime prestazioni nelle navi cisterna

Il mercato delle navi cisterna ha continuato la sua forte performance, sostenuto da una lenta crescita della flotta nel 2023 e prevedibilmente nel 2024-25, nonché da una forte domanda di tonnellate-miglia. I prezzi delle navi sono rimasti elevati, così come i profitti. Al contrario, le rinfuse secche hanno avuto un mercato charter più debole nel 2023 con profitti inferiori ma prezzi in aumento del 13% su base annua, in attesa di mercati migliori nel 2024-2025. I settori offshore e del trasporto automobilistico hanno continuato a registrare ottime performance sia in termini di utili che di valori delle navi, mentre il resto dei mercati è stato piuttosto contrastante. L’indice complessivo dei prezzi usati di Clarkson è aumentato modestamente da 146 a 149 su base annua nel 2023, ma da allora è balzato a 173 a partire dal 1° giugno 2024.

Condizioni di prestito difficili

Nel complesso, secondo Petrofin, i termini dei prestiti bancari sono stati difficili poiché in molti settori i profitti delle navi non sono aumentati tanto quanto i prezzi delle navi, rendendo così i flussi di cassa del finanziamento non favorevoli. Le banche nel loro insieme hanno resistito alla tentazione di concedere prestiti superiori al 60% su base Ltv senza ulteriori facilitatori e, inoltre, hanno dovuto affrontare una maggiore concorrenza e l’erosione dei margini di prestito. Pertanto, la questione non era se le banche avessero la capacità di concedere prestiti, ma se esistessero sufficienti opportunità di prestito.

Nel complesso, il settore bancario globale è riuscito a mostrare una crescita modesta dei finanziamenti navali a partire dalla fine del 2023, che ha rappresentato un anno di stabilità complessiva.